[prestashop] Expression #11 of SELECT list is not in GROUP BY clause and contains nonaggregated column

Problema: dopo un cambio di database (senza alcuna modifica al dominio) in Prestashop non vengono più visualizzati i prodotti nelle singole categorie e accedendo al pannello di controllo si presenta un errore del tipo Expression #11 of SELECT list is not in GROUP BY clause and contains nonaggregated column [...] which is not functionally dependent on columns in GROUP BY clause; this is incompatible with sql_mode=only_full_group_by

Soluzione: Modificare l’opzione sql_mode in sql_mode='STRICT_TRANS_TABLES, NO_ZERO_IN_DATE, NO_ZERO_DATE, ERROR_FOR_DIVISION_BY_ZERO, NO_AUTO_CREATE_USER, NO_ENGINE_SUBSTITUTION'

Nel caso specifico sarebbe sufficiente modificare la variabile globale sql_mode eseguendo la query:

Purtroppo questa modifica, che sarebbe quella ottimale e definitiva, non è sempre possibile da attuare a causa dei permessi sul database. Nel caso in cui non la si possa mettere in pratica sarà sufficiente modificare il file classes/db/DbPDO.php nella maniera seguente.

Aprendo il file alla riga 63 si troverà la seguente funzione:

Modificare la funzione nella maniera seguente, aggiungendo prima di return il pezzo di codice evidenziato:

Questa soluzione è stata presa da questo commento nel forum ufficiale.

Vedi articolo

Analizzare i dati da Excel e MySQL utilizzando Power BI (per esordienti totali)

Procuriamoci anzitutto il necessario per poter lavorare, in questo esempio utilizzerò un database MySQL, un file Excel con ulteriori dati da integrare e Power BI.

In ordine avremo quindi bisogno di:

  1. XAMPP per server MySQL e PHPMyAdmin (non è necessario utilizzare XAMPP, si può usare un qualunque database MySQL ovviamente)
  2. Un database con dei dati di esempio che puoi scaricare da qui (questo database è già stato utilizzato nell’esercizio [mysql] Creare tabella pivot dinamica in MySQL (per esordienti totali))
  3. Un file excel con integrazioni dei dati per clienti e agenti che puoi scaricare da qui
  4. Power BI che possiamo ottenere gratuitamente a questo link
  5. MySQL Connector/NET 8.0.20 che si può scaricare da questo link (se non lo installiamo in anticipo sarà Power BI stesso ad invitarci di farlo nel momento in cui vorremo collegare un database MySQL)

Preparato tutto questo possiamo cominciare a lavorare con Power BI.

1. Importazione dati da MySQL

Avviamo Power BI e scegliamo Recupera dati dalla maschera iniziale.

Nel campo di ricerca cerchiamo mysql:

Selezioniamo il database MySQL. Se non abbiamo installato il connettore, come indicato prima, ci verrà chiesta l’installazione. In caso contrario procediamo configurando il database. Inseriamo, se stiamo usando XAMPP, come server 127.0.0.1 e il nome del database, nel mio caso powerbi.

Procediamo premendo OK ed impostiamo nome utente del database come root e lasciamo il campo password vuoto.

All’avviso sul supporto crittografia premiamo OK.

A questo punto selezioniamo tutte le tabelle che intendiamo caricare. Nel caso specifico selezioneremo tutte le tabelle eccetto storico_vendite.

Premiamo sul tasto carica.

2. Elaborazione dati

A questo punto elaboriamo le connessioni tra le tabelle. Sulla sinistra spostiamoci su modello:

Dovremmo vedere qualcosa di simile a questo.

Spostandoci su una qualsiasi delle relazioni notiamo come siano stati associati automaticamente gli ID. Purtroppo queste associazioni non vanno bene, perché i nomi delle colonne, tra le varie tabelle non corrispondono. A vendite.idAgente corrisponde infatti agenti.id, mentre secondo il sistema automatico vendite.id corrisponde a agenti.id. Possiamo ricostruire le associazioni trascinando i campi gli uni sugli altri, oppure andando ad intervenire da Gestisci relazioni, nella scheda Home > Relazioni.

Cliccando su Gestisci relazioni si aprirà una schermata come la seguente:

Modifichiamo opportunamente tutte le relazioni. Per esempio quella tra vendite ed agenti nel modo seguente:

Se abbiamo fatto tutto correttamente dovremmo vedere qualcosa di simile a questo:

Faccio notare che in tutti i casi ho impostato direzione filtro incrociato su Entrambi. L’utilizzo dell’opzione è finalizzato specificatamente alla semplificazione dell’uso dei filtri. La stessa Microsoft lo spiega nell’articolo Abilitare il filtro incrociato bidirezionale con DirectQuery in Power BI Desktop

Con il filtro incrociato bidirezionale, gli autori di report e modelli di dati hanno ora un maggiore controllo sulla modalità di applicazione dei filtri durante l’uso di tabelle correlate. Il filtro incrociato bidirezionale consente loro di applicare filtri su entrambi i lati di una relazione tra tabelle. Per ottenere questo risultato, il contesto di filtro viene propagato a una seconda tabella correlata sull’altro lato della relazione.

Fatto tutto questo lo schema che visualizzeremo sarà come il seguente:

3. Creiamo la nostra prima tabella nel report

Adesso mettiamo alla prova il sistema creato e proviamo a visualizzare il totale venduto dagli agenti.

Modifichiamo anzitutto il nome della pagina in Vendite:

Dalle visualizzazioni selezioniamo Tabella:

Poi afferriamo il nome dell’agente e trasciniamolo nella tabella. Stessa cosa per importo dalla tabella vendite:

Vedremo un risultato simile a questo:

Questo succede perché nelle vendite c’è un idAgente che non corrisponde ad alcun agente nella tabella agenti. Quello che vorremmo ottenere è una tabella di agenti LEFT JOIN vendite. Per farlo andiamo su Query e clicchiamo su Trasforma dati.

Clicchiamo col destro nel riquadro Query e selezioniamo Nuova query > Combina > Unisci query come nuova:

Configuriamo una LEFT OUTER JOIN nella maniera seguente:

A questo punto vedremo una tabella come la seguente:

Noi vogliamo visualizzare i dati aggregati delle vendite, quindi clicchiamo sul pulsante in alto a destra di powerbi vendite.

Selezioniamo l’opzione di aggregazione nella maniera seguente, scegliendo quantità e importo.

Dovremmo ottenere qualcosa di simile a questo:

Sulla destra clicchiamo sulla nuova tabella col destro e rinominiamola in vendite_x_agente. A titolo di esempio vogliamo anche aggiungere una colonna che calcoli l’importo medio di vendita per quantità di venduto.

Creiamo la colonna nella maniera seguente:

La formula che usiamo è: = Table.AddColumn(#"Colonne powerbi vendite aggregate", "media", each [Somma di powerbi vendite.importo] / [Somma di powerbi vendite.qta])

Fatto tutto questo salviamo e scegliamo di applicare i dati dal prompt che ci apparirà sullo schermo. Chiudiamo e torniamo a Power BI.

Sotto la voce Campi clicchiamo col destro su vendite_x_agente e aggiungiamo un’altra colonna (lo potevamo fare anche prima, ma per esercizio voglio farlo da questa posizione diversa): Nel campo formula digitiamo: nominativo = vendite_x_agente[nome]& " " & vendite_x_agente[cognome]

In questo modo abbiamo concatenato il nome e il cognome di ciascun agente aggiungendo in mezzo uno spazio.

A questo punto rinominiamo le colonne aggiunte prima, in modo da ottenere la seguente situazione:

Reimpostiamo la tabella nella maniera seguente:

4. Integriamo i dati da un foglio Excel

Adesso procediamo integrando i dati da un foglio Excel, per calcolare le provvigioni per ciascun agente.

Importiamo anzitutto i dati andando su Home > Dati > Recupera dati. Selezioniamo Excel. (c’è anche il collegamento veloce sotto Dati)

Selezioniamo il file excel anagrafica_clienti.xlsx.

Selezioniamo entrambe le tabelle e clicchiamo su Carica.

Andando su Modello vedremo che Power BI avrà collegato tutte le tabelle totalmente a caso.

Clicchiamo col destro su una delle due, poi andiamo su Gestisci relazioni, usando SHIFT e il mouse selezioniamo le relazioni che interessano Compensi agenti e Anagrafica Clienti (nella maniera mostrata nell’immagine) e clicchiamo su Elimina per tutte le relazioni selezionate (e create).

Ricreiamo le relazioni nella maniera seguente:

Fatto questo torniamo sulle tabelle e andiamo su vendite_x_agenti, dove abbiamo aggiunto prima i dati di vendita.

Clicchiamo col destro su vendite_x_agenti e selezioniamo Modifica query. Dalla finestra di modifica andiamo su Home > Combina > Merge query.

Impostiamo l’unione nella maniera seguente:

Clicchiamo sul pulsante in alto a destra della nuova colonna aggregata:

Selezioniamo Compenso e Fisso nella maniera seguente:

Salviamo il tutto e chiudiamo. Clicchiamo col destro sulla tabella e aggiungiamo una Nuova colonna. Inseriamo la seguente formula:

provvigione = vendite_x_agente[totale_importo]*vendite_x_agente[Compensi agenti.Compenso]

In questo modo calcoliamo il compenso in percentuale sul totale venduto. Torniamo sul report e aggiungiamo alla tabella anche la provvigione. Dovremo arrivare a vedere qualcosa di simile:

5. Formattazione valori

A questo punto vogliamo formattare i valori delle vendite nel formato valuta. Essendo dati aggregati in una tabella generata da JOIN, possiamo anzitutto formattare i valori all’origine, nelle tabelle di partenza. Questo vuol dire che ci spostiamo su vendite.

Selezioniamo la colonna desiderata ed inseriamo il formato Valuta. Possiamo modificare il tipo di valuta cliccando sull’opportuno pulsante come nell’immagine precedente.

Spostiamoci adesso su vendite_x_agente. Clicchiamo sulla colonna totale_importo, da Tipo dati selezioniamo Numero decimale, da Formato selezioniamo Valuta come prima. Stesso discorso per la provvigione.

Fatto questo possiamo tornare sulla visualizzazione dei dati. Dove vedremo qualcosa di simile a questo:

6. Creazione di Drill-through

Adesso vogliamo creare una analisi dettagliata per il totale venduto da ogni agente.

Aggiungiamo anzitutto una seconda pagina che chiameremo VENDITE AGENTE

Aggiungiamo una scheda per il titolo dell’agente analizzato:

Impostiamo una scheda che mostri anche il totale venduto nella maniera seguente:

Adesso aggiungiamo l’importo del venduto per ciascun agente per ciascuna città, procedendo nella maniera seguente:

Fatto questo attiviamo il campo Drill-thorugh sul nominativo dell’agente. Per farlo procediamo nel modo seguente:

Fatto tutto questo andiamo sulla pagina VENDITE. Clicchiamo col destro su un nominativo agente e scegliamo Drill-thought > VENDITE AGENTE.

Visualizzeremo i dati dell’agente nel report VENDITE AGENTE creato in precedenza.

Fatto questo abbiamo creato il collegamento Drill-through che volevamo.

Vedi articolo

[mysql] Creare tabella pivot dinamica in MySQL (per esordienti totali)

Con il MySQL è possibile generare tabelle pivot dinamiche, ovvero che contengano nomi di colonne automatiche, in base ad una tabella di riferimento.

Quello che vogliamo ottenere sarà un risultato come il seguente:

Prima di cominciare creiamo un database con un po’ di dati in modo da poterci lavorare.

1. Creazione dati di partenza

Creiamo 3 tabelle: prodotti, agenti e vendite. Di seguito riporto le query per creare le singole tabelle ed inserire i dati di esempio.

PRODOTTI

Per creare la tabella prodotti eseguiamo la seguente query.

Inseriamo i dati nel modo seguente:

AGENTI

Andiamo adesso a creare la tabella degli agenti, in modo analogo:

Ed inseriamo i dati:

VENDITE

Per le vendite andremo a creare la tabella in questo modo:

A differenza delle precedenti due, qui voglio inserire dei dati casuali. Per inserire una riga di dati casuali, pescati dalle precedenti due tabelle, potremmo scrivere:

Faccio notare che con l’istruzione ROUND(1+RAND()*4,0) inseriamo un valore intero casuale tra 1 e 5. Se volessimo generalizzare il procedimento potremmo scrivere ROUND(n+RAND()*(m-n),0) dove n è il minimo, mentre m è il massimo.

Con n = 3 e m = 8 avremmo infatti le seguenti operazioni:

  1. RAND() genera un valore casuale decimale da 0 a 1
  2. Moltiplicando per (8-3) il valore casuale sarà tra 0 e 5.
  3. Sommano il risultato a 3 il valore casuale sarà un decimale tra 3 e 8. Potrebbe essere per esempio 6,4.
  4. Usando ROUND() arrotondiamo a 0 cifre decimali ottenendo quindi un intero.

Se volessimo inserire più di una riga in una singola operazione, possiamo farlo scrivendo una procedura.

Dichiariamo quindi una procedura nel modo seguente, che inserisca 1000 valore casuali per volta.

Chiamiamo la procedura digitando:

2. Creazione tabella pivot

Per creare una tabella pivot manualmente utilizziamo CASE WHEN ... END. A mano potremmo scrivere una query come quella di seguito:

Ogni colonna della pivot sarà generata da:

In questo caso noi abbiamo una tabella dei prodotti, dove sappiamo esserci all’id = 1 il prodotto chiamato mele.

Con SUM() sommiamo i valori (avremmo potuto usare COUNT(), AVG(), MAX(), MIN() ecc.) e con ROUND() arrotondiamo. Quest’ultima funzione in particolare non sarebbe necessaria, ma la utilizzo solo perché, visto che si parla di importi in euro, non ha senso calcolare un risultato al di sotto dei centesimi.

Quello che vogliamo fare ora è poter scrivere, quel pezzo di query, in modo iterativo, ripetendola per CIASCUN valore della tabella prodotti.

In particolare potremmo eseguire una query come la seguente:

Il risultato di questa query sarebbe un singolo campo contenente i seguenti valori:

Faccio notare che grazie a GROUP_CONCAT() vengono inserite le virgole tra le singole righe.

Andiamo a creare quindi una procedura come la seguente:

Eseguiamo, come prima, la procedura:

Otterremo il risultato cercato.

Dobbiamo usare una procedura per evitare di incorrere in una serie di incongruenze legate all’interrogazione del database.

DIfatti, usando il PHPMyAdmin e lanciando solamente l’istruzione:

Si incorrere nel seguente errore:

Fatal error: Uncaught Error: Call to a member function getClauses() on null in D:\xampp\phpMyAdmin\vendor\phpmyadmin\sql-parser\src\Utils\Query.php:564 Stack trace: #0 D:\xampp\phpMyAdmin\vendor\phpmyadmin\sql-parser\src\Utils\Query.php(681): PhpMyAdmin\SqlParser\Utils\Query::getClause(NULL, NULL, 'ORDER BY', -1, false) #1 D:\xampp\phpMyAdmin\libraries\DisplayResults.php(1385): PhpMyAdmin\SqlParser\Utils\Query::replaceClause(NULL, NULL, 'ORDER BY', '') #2 D:\xampp\phpMyAdmin\libraries\DisplayResults.php(4376): PMA\libraries\DisplayResults->_getUnsortedSqlAndSortByKeyDropDown(Array, '') #3 D:\xampp\phpMyAdmin\libraries\sql.lib.php(1689): PMA\libraries\DisplayResults->getTable(Object(mysqli_result), Array, Array, false) #4 D:\xampp\phpMyAdmin\libraries\sql.lib.php(1980): PMA_getHtmlForSqlQueryResultsTable(Object(PMA\libraries\DisplayResults), './themes/pmahom...', NULL, Array, false, 6, 6, NULL, Object(mysqli_result), Array) #5 D:\xampp\phpMyAdmin\libraries\sql.lib.php(2199): PMA_getQueryResponseForResultsReturned(Object(my in D:\xampp\phpMyAdmin\vendor\phpmyadmin\sql-parser\src\Utils\Query.php on line 564

3. Utilizzo della tabella nel PHP

Leggiamo la tabella tramite il PHP. Per farlo utilizzerò la classe MySQLdb come in questo esercizio sul MySQL Cluster.

Creiamo nella root del nostro sito un file MySQLdb.php contenente il seguente codice:

Creiamo adesso un file index.php, nella stessa posizione, contenente il seguente codice:

Vediamo in particolare come nel vettore $prodotti abbiamo l’elenco di tutti i prodotti e quindi delle colonne della pivot, che si trovano in $dati. Il risultato che otterremo sarà simile a questo:

 

Vedi articolo

[vba] Classe per leggere e scrivere su un database MySQL

A seguito del precedente articolo [excel] Aggiungere all’origine dati delle tabelle da un database MySQL ho deciso di integrare l’esercizio creando una classe per leggere e scrivere tramite VBA su un database MySQL.

Affinché la classe funzioni ricordiamoci di installare il connettore recuperabile sul sito ufficiale (Connector/ODBC 8.0.19). Inoltre ricordiamoci anche che per poter eseguire la connessione ADO abbiamo bisogno di importare l’opportuna libreria dai riferimenti. In questo modo:

Detto tutto questo possiamo creare una classe MySQL con le seguenti istruzioni all’interno:

Possiamo usare la classe nel modo seguente:

Faccio notare che con il metodo clear possiamo aggiungere gli slash agli apici, presenti nel cognome.

Vedi articolo

[mysql] Ripristinare utente root sul database MySQL su Ubuntu

Potrebbe accadere che si debba ripristinare la password dell’utente root del database MySQL. In tal caso su Ubuntu è sufficiente seguire la seguente procedura.

Interrompiamo l’esecuzione del servizio MySQL.

Facciamo ripartire il MySQL in modalità safe saltando le tabelle relative ai permessi.

Entriamo nel database:

Modifichiamo la password dell’utente root.

Fermiamo nuovamente il servizio:

Riavviamo il servizio.

Vedi articolo

Installare Ubuntu 19.10 con webserver pronto all’uso [per esordienti assoluti]

Abbiamo già visto come installare Ubuntu 18.04.2 LTS e Ubuntu 16.04.2 LTS predisponendoli per fare da webserver. Oggi voglio ripetere la procedura con Ubuntu 19.10.

Prima di andare avanti vorrei far notare come questa non sia una versione LTS, ossia una distribuzione con supporto a lungo termine, quindi ne sconsiglio caldamente l’installazione per progetti di lunga portata.

Detto ciò proseguiamo come di consueto utilizzando VirtualBox ai fini di questa guida, benché la procedura sarebbe analoga per chiunque lo volesse installare su una macchina fisica.

Gli argomenti trattati saranno:

  1. Configurazione ed installazione Ubuntu Server 19.10
  2. Installazione e configurazione Apache
  3. Installazione e configurazione MySQL
  4. Installazione e configurazione PHP
  5. Installazione di phpMyAdmin
  6. Ulteriori configurazioni

1. Configurazione Ubuntu Server 19.10

Anzitutto andiamo sul sito ufficiale di Ubuntu e procuriamoci la ISO per l’installazione. Assicuriamoci di selezionare la versione server e poi premiamo download:

A questo punto andiamo a creare la nostra macchina virtual con VirtualBox. All’interno di VirtualBox premiamo su CTRL+N per avviare l’installazione di una nuova macchina.

Diamo un nome alla macchina e scegliamo eventualmente il percorso di installazione, come nell’immagine di sopra. Assicuriamoci anche che il tipo sia settato su Linux e la Versione su Ubuntu (64-bit). Premiamo su Successivo.

Selezioniamo la quantità di memoria da destinare alla macchina virtuale (1GB è più che sufficiente). Ancora Successivo.

Lasciamo l’opzione selezionata Crea subito un nuovo disco fisso virtuale per crearne uno nuovo e andiamo avanti.

Se non abbiamo esigenze specifiche lasciamo il tipo di disco su VDI e procediamo avanti.

Lasciamo l’allocazione del disco su Allocato dinamicamente. In questo modo il disco crescerà solo in presenza di file effettivi, occupando meno spazio sulla macchina ospite. Andiamo avanti.

Diamo un po’ di spazio ad Ubuntu, visto che comunque andrà ad occupare solo quello necessario, mettendo il disco su 20GB.

A questo punto nell’elenco delle nostre macchine virtuali vedremo comparire quella con Ubuntu.

Una volta selezionata spostiamoci in alto e clicchiamo sul tasto verde Avvia per farla partire.

Al primo avvio ci verrà chiesto se caricare una ISO per l’avvio della macchina virtuale. Clicchiamo sulla cartellina gialla e poi selezioniamo la ISO che abbiamo scaricato in precedenza, se abbiamo fatto tutto bene, prima di procedere avanti, vedremo una situazione simili alla seguente:

Aspettiamo che compaia la sezione della selezione della lingua. Tanto per cambiare manca l’italiano, perciò proseguirò in inglese (o per fare uno scherzo proseguo in croato!).

Premiamo INVIO. Ci potrebbe chiedere se vogliamo aggiornare l’installer, diciamo di sì premendo di nuovo INVIO.

Adesso ci verrà chiesto il layout della tastiera. Dal momento che sto usando una tastiera italiana dovrò impostare il layout su Italian, come nell’immagine in alto, altrimenti potrei avere problemi specialmente con i caratteri speciali. Per farlo mi sposto in alto con le frecce direzionali e seleziono il menu premendo SPAZIO. Una volta trovata la voce giusta premo nuovamente INVIO. Dopodiché posso tornare alla voce Done e premere INVIO per procedere.

Mi verrà chiesto di configurare la rete, posso premere nuovamente INVIO e andare avanti.

Sulle impostazioni del proxy, a meno di non essere a conoscenza di diversa configurazione, lascio tutto com’è e premo INVIO.

L’indirizzo del mirror per la repository lo posso lasciare tale e quale, premendo ancora INVIO.

Alla voce successiva seleziono la seconda opzione, quella di configurazione dell’intero disco con utilizzo di LVM. Per approfondimenti sull’argomento consiglio LVM, gestore logico dei volumi su Ubuntu [per pinguini alle prime armi]

Mi verrà chiesto quale disco utilizzare, avendone uno soltanto non ho molto da scegliere, in caso contrario potrei selezionare il disco sul quale intendo installare le partizioni principali del server.

A questo punto mi verrà proposto un riassunto di tutte le modifiche che saranno applicate al disco. Se non ho altre esigenze posso premere INVIO e procedere.

Comparirà un avviso che mi segnalerà che l’intero contenuto del disco adesso verrà cancellato e sostituito con la nuova installazione; mi sposto con le frecce direzionali su Continue e premo INVIO.

Adesso inseriamo il nostro nome, scegliamo un nome per il server e username e password, compilando i campi come di seguito.

Una volta compilati tutti i campi premiamo INVIO.

A questo punto ci viene chiesto se vogliamo installare anche il server OpenSSH, che ci permetterà di collegarci in SSH al nostro server. Premiamo la SPAZIO per selezionare l’opzione e poi premiamo INVIO. Prima di premere invio la configurazione dovrebbe apparire come la seguente.

Saltiamo la selezione di snaps per il server (ovvero configurazioni preconfezionate, come viene spiegato alle singole voci). Spostiamoci in basso e selezioniamo semplicemente Done e poi premiamo INVIO.

Se abbiamo fatto tutto bene comincerà un’installazione come la seguente:

Una volta terminata ci verrà chiesto di riavviare il sistema e rimuovere il supporto di installazione. Premiamo semplicemente INVIO.

Se ci dovessero essere problemi con l’unmounting del cdrom, e dovesse comparire una schermata come quella di seguito, sarà sufficiente premere INVIO un’altra volta per dire al sistema di procedere comunque (VirtualBox avrà già smontato l’ISO per conto suo probabilmente).

A questo punto ci si dovrebbe trovare di fronte ad una schermata simile alla seguente:

Faccio notare che continua a persistere il ridicolo problema delle ultimissime versioni di Ubuntu, per cui la schermata di login appare prima che sia terminato il processo di avvio, cosa che riempie la shell di output anche dopo l’apparizione del prompt di ingresso.

Per effettuare il login sarà sufficiente premere nuovamente INVIO e poi digitare il nome utente e la password che abbiamo creato in precedenza.

Adesso, prima di procedere, voglio configurare la scheda di rete di VirtualBox, in modo da poter utilizzare Putty per collegarmi alla macchina virtuale. Lo faccio principalmente per poter copiare ed incollare i comandi sul terminale, cosa non possibile dall’interfaccia di VirtualBox stesso.

Per spegnere il sistema operativo digitiamo quindi:

Una volta spenta la macchina virtuale torniamo sull’interfaccia di VirtualBox e andiamo su File > Preferenze (che possiamo aprire anche premendo CTRL+G)

Andiamo su Rete e clicchiamo sul piccolo pulsante della scheda con il più verde sulla destra che ci permetterà di creare una nuova Rete con NAT da far utilizzare alla nostra macchina virtuale.

Configuriamo la rete nel modo seguente:

Clicchiamo su Inoltro del porte e configuriamo le porte da inoltrare dalla scheda di rete virtuale sul nostro computer alla rete interna di VirtualBox.

Configuriamo l’inoltro delle seguenti porte:

 

Stiamo dando per scontato che la macchina virtuale si troverà all’indirizzo 10.0.2.4 della rete interna (che è tipicamente l’indirizzo predefinito che viene assegnato dal DHCP di VirtualBox).

Detto questo premiamo OK su tutte le finestre aperte e torniamo alla nostra macchina virtuale. Dopo averla selezionata premiamo il tasto Impostazioni (vicino a quello di Avvio).

Dalla schermata delle Impostazioni andiamo su Rete e selezioniamo Rete con Nat, scegliendo dal menu sottostante la Rete Ubuntu che abbiamo creato prima.

Fatto tutto questo premiamo OK e avviamo di nuovo la nostra macchina virtuale. Una volta che sarà ripartita apriamo Putty e digitiamo come indirizzo di connessione 192.168.56.1

Premiamo OK. Se abbiamo fatto tutto correttamente ci verrà chiesto di effettuare la connessione.

Apparirà una schermata che ci chiederà di copiare la chiave di crittografia. Premiamo .

Inseriamo le credenziali e siamo pronti a procedere oltre.

2. Installazione e configurazione Apache

Adesso procediamo con l’installazione di Apache. Aggiorniamo anzitutto tutti i riferimenti della repository digitando:

Dopodiché digitiamo:

Alla domanda se proseguire digitiamo Y e poi premiamo INVIO. Aspettiamo che l’installazione termini. Se tutto è andato bene aprendo l’indirizzo http://192.168.56.1/ dal nostro browser dovremmo vedere la schermata predefinita del webserver Apache nel modo seguente:

3. Installazione e configurazione MySQL

Adesso installiamo il Server MySQL per il database. Per farlo digitiamo:

Come al solito confermiamo l’installazione con Y e aspettiamo che sia terminata.

Una volta terminata l’installazione digitiamo:

Questo avvierà una procedura di configurazione del nostro database, durante la quale ci verranno richieste diverse cose. Alle varie domande rispondiamo rispettivamente:

Press y|Y for Yes, any other key for No: Y

Please enter 0 = LOW, 1 = MEDIUM and 2 = STRONG: 2

(dove: STRONG Length >= 8, numeric, mixed case, special characters and dictionary file)

New password: 4y!7dz=6/%lF-4fes2=lkpl|E^DTL*  (questo è un esempio di password che possiamo mettere, questa password ha una qualità di 180bit e una lunghezza di 30 caratteri)

Se la passowrd è buona ci verrà detto qualcosa come:

Estimated strength of the password: 100

Proseguiamo:

Do you wish to continue with the password provided?(Press y|Y for Yes, any other key for No) : Y

Remove anonymous users? (Press y|Y for Yes, any other key for No) : Y

Disallow root login remotely? (Press y|Y for Yes, any other key for No) : Y

Remove test database and access to it? (Press y|Y for Yes, any other key for No) : Y

Reload privilege tables now? (Press y|Y for Yes, any other key for No) : Y

Fatto questo il database è pronto per essere utilizzato.

L’utente predefinito del database sarà root e la password quella che abbiamo scelto prima.

4. Installazione e configurazione PHP

Adesso installiamo il PHP, aggiungendo la libreria per Apache e quella per il database MySQL.

Faccio notare che in questo modo verrà installato l’ultimo PHP disponibile, che nel mio caso specifico, come si può vedere anche dall’immagine di seguito, è il PHP 7.3.

Una volta installato il PHP verifichiamo che sotto Apache siano configurate le pagine predefinite come index.php per l’esecuzione. Digitiamo:

Se va tutto bene sotto la voce DirectoryIndex dovremmo trovare, tra gli altri file, anche index.php. Se così non fosse lo aggiungiamo come nell’immagine seguente:

Nel caso avessimo modificato il file salviamo il tutto premendo CTRL+O, altrimenti direttamente CTRL+X per uscire dall’editor.

Fatte tutte queste belle cose riavviamo Apache.

5. Installazione di phpMyAdmin

Per installare il phpMyAdmin utilizzeremo il composer, per cui installiamolo digitando:

Il composer è uno strumento per la gestione delle dipendenze e delle librerie del PHP, che ci permette di installare progetti in PHP come è per l’appunto il phpMyAdmin.

A questo punto installiamo il minimo indispensabile per usare il phpMyAdmin digitando:

Riavviamo Apache digitando come al solito:

Fatto tutto questo possiamo procedere con l’installazione vera e propria. Spostiamoci anzitutto dentro a /var/www:

Assegniamo il nostro utente alla cartella html (che è la cartella predefinita del nostro webserver raggiungibile dall’indirizzo di prima):

Entriamo dentro con:

A questo punto installiamo qui il nostro phpMyAdmin, che creerà una sua cartella alla quale assegneremo successivamente Apache come utente. In realtà la cartella del phpMyAdmin potrebbe essere creata a nostro piacimento in qualsiasi posizione, purché abbia un senso per noi. Tradizionalmente viene inserito sotto etc oppure share. Io l’ho inserito direttamente sotto www per una questione di ordine. (Qualora la si dovesse mettere altrove dovremmo ricordarci di aggiungere il percorso anche ai VirtualHost)

ATTENZIONE! composer non va lanciato come root/super user, quindi non va utilizzato sudo anteposto al commando. 

Aspettiamo con pazienza l’esito dell’installazione che potrebbe richiedere qualche minuto, soprattutto all’inizio quando non sembra succedere niente di che. Se tutto è andato bene vedremo un output come quello di seguito.

In caso di errore assicuriamoci di aver installato tutte le librerie per il PHP come di sopra e di aver riavviato Apache.

Prima di testare il phpMyAdmin così installato ripristiniamo sulla cartella html l’utente predefinito di Apache digitando:

A questo punto digitiamo nel browser http://192.168.56.1/phpmyadmin/

Se abbiamo fatto tutto bene dovremmo vedere qualcosa come questo:

Provando ad inserire root e la password creata in precedenza potremmo incorrere nel seguente errore:

Nessun problema. Torniamo sul terminale e digitiamo:

Inseriamo la password creata in precedenza per l’utente root. (per capirsi nel mio caso la password era 4y!7dz=6/%lF-4fes2=lkpl|E^DTL*)

Creiamo un utente apposito per gestire il database da phpMyAdmin. Per farlo eseguiamo la seguente sequenza di query:

L’utente così creato sarà:

username: admin

password: HGOqXovUhyZJ4}08}eg-lAiOM])}@lYt

Proviamo ad accedere con tali dati da http://192.168.56.1/phpmyadmin/

Nel caso dovesse apparire l’errore mysqli::real_connect(): The server requested authentication method unknown to the client [caching_sha2_password] eseguiamo i seguenti due comandi sul database.

Se è andato tutto bene possiamo riprovare ad accedere e vedremo una situazione simile a questa.

6. Ulteriori configurazioni

A questo punto abbiamo finito la configurazione principale e dovremmo fare ancora qualche implementazione, configurando cose come:

  1. Sistemare il Firewall
  2. Mettere in sicurezza Apache
  3. Configurare fail2ban ed altri eventuali servizi
  4. Aggiungere un VirtualHost al webserver
Vedi articolo

[mysql] Aumentare le performance del database MySQL

Questo esempio è sviluppato su un server Ubuntu con le seguenti caratteristiche:

32GB di RAM @2133 MHz, CPU Intel Xeon E3-1270v6 – quad core, 3,8GHz, 500GB disco SSD.

Le caratteristiche del server sono importanti, quanto il carico di lavoro che si intende sostenere per ottenere una giusta configurazione.

Prima di procedere oltre valutiamo anche lo stato iniziale del server ed eventualmente monitoriamo il carico di lavoro, per capire quanto margine abbiamo per le operazioni di calibrazione. A tale scopo ci saranno utili 2 programmi di Ubuntu.

Anzitutto usiamo htop per verificare l’uso di risorse della nostra macchina.

Se non dovessimo averlo installo eseguiamo:

Eseguendo htop da terminale dovremmo vedere una situazione simile a questa:

In questo caso possiamo notare che il server è scarico (in questo preciso momento).

Altro strumento che voglio utilizzare è mysqltuner. Questo ci permetterà di monitorare la situazione del server MySQL. Prima di lanciarlo è utile lasciare il server operativo per un tempo sufficiente (si parla di giorni o settimane, dipende dalla variabilità nell’utilizzo).

Se non disponiamo di mysqltuner installiamolo eseguendo:

Una volta eseguito, digitando semplicemente:

Vedremo un output con diverse statistiche e in fondo un elenco di raccomandazioni simile a questo:

A questo punto procediamo a modificare il file /etc/mysql/my.cnf impostando nuovi parametri (e poi provandoli).

Digitiamo dunque:

Andiamo ad impostare i seguenti parametri, di cui ne analizziamo alcuni:

innodb_buffer_pool_size

Questo parametro ci permette di impostare il pool del buffer. Il valore deve essere un multiplo del parametro innodb_buffer_pool_chunk_size moltiplicato per il parametro innodb_buffer_pool_instances. Il valore predefinito di innodb_buffer_pool_chunk_size è di 128MB, mentre innodb_buffer_pool_instances è impostato su 16.

Questo significa che un valore di 8GB per innodb_buffer_pool_size va bene, perché 8GB = 8192MB da cui 8192MB / ( 16 * 128MB ) = 4 (un numero intero).

Invece un valore di 15GB non andrebbe bene, perché 15GB = 15360MB da cui 15360MB / ( 16 * 128MB ) = 7,5 (un numero decimale).

query_cache_size

Il MySQL può tenere in cache le query già utilizzate, aumentando così notevolmente la velocità di esecuzione e le performance.

Anzitutto verifichiamo che la cache sia abilitata usando il commando:

Dopodiché possiamo impostare le seguenti variabili:

Le specifiche dimensioni dipendono dalla nostra disponibilità di RAM sul server.

max_connections

Questo parametro ci permette di stabilire il numero massimo di connessioni. Il valore predefinito è 150. Aumentando questo valore aumenterà il consumo di RAM.

Attenzione! Durante queste configurazioni assicuriamoci che la stima di memoria utilizzata da parte di mysqltuner non superi la massima memoria disponibile nel sistema, come in questo caso:

Entrambi i valori dovrebbero risultare OK, come nel seguente esempio:

Per fare una stima in anticipo sulle prestazioni possiamo usare il MySQL Calculator su questo indirizzo.

La precedente stima si ottiene sulla seguente configurazione di parametri:

Aumentando i valori naturalmente si aumenterà la quantità di risorse potenzialmente consumate dal database.

Una volta finite le modifiche al file my.cnf riavviamo il servizio MySQL digitando:

Come ultima operazione ottimizziamo il database, lanciando il seguente commando:

Se stiamo usando Plesk possiamo anche usare:

In questo modo la password dell’utente admin del database verrà prelevata dal file di configurazione di Plesk.

Fatto tutto questo monitoriamo il sistema e apportiamo eventuali correzioni.

Vedi articolo

Installazione Ubuntu 18.04.2 LTS webserver pronto all’uso [per esordienti totali]

Abbiamo già visto come installare Ubuntu 16.04.2 LTS e predisporlo per fare da webserver. Stavolta voglio ripetere la procedura, utilizzando però l’ultima distribuzione a lungo termine ovvero Ubuntu 18.04.2 LTS.

Come al solito eseguiremo l’operazione utilizzando VirtualBox. Per chi lo volesse installare su una macchina fisica la procedura sarebbe comunque analoga.

1. Configurazione Ubuntu Server 18.04.2 LTS

Anzitutto procuriamoci la ISO dal sito ufficiale.

Selezioniamo la seguente configurazione e premiamo download.

A questo punto cominciamo a creare la macchina virtuale sulla quale faremo girare il nostro webserver. Dentro VirtualBox premiamo CTRL+N. Si avvierà la seguente schermata che prepariamo nel modo seguente:

Premiamo su Successivo. Ci verrà chiesto quanta RAM intendiamo assegnare, mettiamo almeno 1024MB (ossia 1GB).

Procediamo e scegliamo di creare un nuovo disco fisso virtuale.

Proseguiamo selezionando VDI e per lo spazio diciamo Allocato dinamicamente (questo vuol dire che il disco virtuale non occuperà immediatamente tutto lo spazio assegnato, ma solo via via che il sistema operativo ne avrà bisogno).

Lasciamo 10 GB di spazio.

A questo punto avviamo la macchina virtuale.e ci verrà chiesto di selezionare un disco di avvio. Se fosse stata una macchina fisica si sarebbe trattato del supporto di installazione, per esempio un CD oppure una penna USB. Nel nostro caso clicchiamo sulla cartellina gialla e andiamo a selezionare il file ISO che abbiamo scaricato in precedenza dal sito ufficiale.

Se abbiamo fatto tutto correttamente dovremmo vedere qualcosa di simile:

Premiamo su Avvia.

A questo punto inizierà il caricamento del programma di installazione finché non ci si presenterà la schermata dove scegliere la lingua.

Selezioniamo inglese. A quanto pare ancora non lo hanno tradotto in italiano.

Premiamo il tasto INVIO.

Usando le frecce direzionali, nella schermata successiva, posizioniamoci sui menu a tendina della lingua e premendo INVIO apriamolo. Selezioniamo la tastiera italiana e premiamo di nuovo INVIO. A questo punto torniamo, premendo la freccia verso il basso, su [Done].

Alla prossima schermata premiamo nuovamente INVIO.

A questo punto ci verrà chiesto come vogliamo configurare la scheda di rete. Se stiamo usando una macchina virtuale come VirtualBox la scheda di rete sarà identificata dal dispositivo enp0s3 (normalmente sarebbe eth0, eth1, ecc…). Premiamo nuovamente INVIO.

Alla richiesta di configurare il proxy lasciamo tutto così com’è e premiamo di nuovo INVIO.

Selezioniamo il mirror predefinito per le repository di Ubuntu premendo semplicemente INVIO.

Nella prossima schermata scegliamo come formattare il disco. In questo esempio voglio utilizzare LVM per la gestione dei dischi, quindi mi sposto sulla seconda voce e premo nuovamente INVIO.

Per maggiori approfondimenti sull’utilizzo del LVM suggerisco questo articolo.

Selezioniamo il disco da partizionare, che è anche l’unico disco di cui disponiamo in questo momento.

Arrivati a questo punto possiamo verificare l’intera configurazione ed apportare, eventualmente, delle modifiche. Nel nostro caso lasciamo tutto tale e quale e procediamo premendo INVIO.

Ci chiederà se siamo sicuri di proseguire. Proseguiamo 🙂

Adesso compiliamo i campi con il nostro nome, il nome del server, lo username e la password. Memorizziamo questi dati perché ne avremo bisogno per accedere al server una volta pronto.

Alla schermata successiva selezioniamo la casella di Installa OpenSSH server premendo la barra spaziatrice. Spostiamoci poi con le frecce su Done e proseguiamo premendo INVIO.

Nella schermata successiva spostiamoci immediatamente su Done premendo il tasto della tabulazione e poi di nuovo INVIO.

A questo punto inizierà l’installazione, non ci resta che aspettare pazientemente che finisca.

Quando sarà tutto finito ci troveremo di fronte ad una schermata come questa, dove ci viene chiesto di riavviare. Premiamo INVIO e riavviamo il sistema.

Poco dopo ci verrà chiesto di rimuovere il dispositivo di installazione. Premiamo semplicemente INVIO e aspettiamo.

ATTENZIONE: Normalmente ci si dovrebbe trovare di fronte alla seguente schermata:

ma operazioni in differita su questa ultima versione di Ubuntu fanno sì che si sovrappongano degli output oltre la schermata di login. Se compare qualcosa di simile a questo è sufficiente premere INVIO per avere accesso alla schermata di login.

A questo punto effettuiamo il login con le credenziali che abbiamo creato in precedenza.

Una volta dentro il sistema digitiamo ifconfig e dovremmo vedere un risultato simile a questo.

Come possiamo notare il server si trova sull’indirizzo 10.0.2.15 che è l’indirizzo automatico assegnato dalla rete virtuale NAT di VirtualBox alla macchina virtuale.

Quello che vogliamo fare adesso è creare una nostra rete NAT personalizzata sulla quale spostare il server. VirtualBox ci permette infatti di creare una rete interna che, rispetto al nostro computer host, sarà raggiungibile all’indirizzo 192.168.56.1. Tale indirizzo sarà, rispetto al server, l’indirizzo esterno con il quale la rete virtuale nella quale si trova il server si affaccerà alla rete nella quale si trova il computer host.

Andiamo perciò sul panello di controllo di VirtualBox, spostiamoci su File > Preferenze (raggiungibile anche premendo CTRL+G).

Spostiamoci su Rete e poi premiamo il pulsante con la scheda di rete e il simbolo più verde . Questo aggiungerà una nuova rete virtuale chiamata NatNetwork (nel mio caso ci sono già altre reti configurate). Restando su NatNetwork premiamo il terzo pulsante a destra con il simbolo dell’ingranaggio .

Impostiamo la rete nel modo seguente scegliendo come ID di rete 10.0.2.0/24:

Con l’IP Calculator possiamo testare i dettagli della rete, ma per quello che ci interessa avremo 254 host dal 10.0.2.1 al 10.0.2.254.

Premiamo OK e spostiamoci nelle impostazioni della nostra macchina virtuale.

Andiamo su Rete e impostiamo come tipo di rete Rete con NAT e il nome Rete Ubuntu, che abbiamo creato prima.

A questo punto torniamo dentro la nostra macchina virtuale e aggiorniamo lo stato della connessione di rete.

Per farlo digitiamo: sudo netplan apply

Digitiamo ifconfig  e verifichiamo l’IP al quale è connesso adesso il nostro server. Nel mio caso è sempre 10.0.2.15

Adesso torniamo nelle Preferenze > Rete e andiamo ad impostare l’inoltro delle porte sulla rete che abbiamo creato.

Dal momento che vogliamo testare il server web con Apache e usare l’SSH per connetterci, dobbiamo inoltrare le porte 80, 443 e la 22.  Per aggiungere nuove regole di inoltro premiamo sul tasto col più verde e compiliamo l’elenco nel modo seguente.

L’indirizzo 192.168.56.1 rappresenta l’indirizzo della scheda di rete virtuale creata da VirtualHost, con la quale possiamo collegarci dal nostro PC alla rete virtuale creata poc’anzi. Fatto tutto questo diamo OK a tutto e proviamo a collegarci alla nostra macchina utilizzando Putty.

Se abbiamo fatto tutto a dovere adesso la macchina dentro la rete NAT virtuale è raggiungibile dall’indirizzo esterno 192.168.56.1.

Configuriamo Putty e premiamo Open.

Se tutto è andato bene ci verrà chiesto di acquisire la chiave per la connessione. Diciamo di sì:

A questo punto entriamo dentro il sistema usando Putty.

Procediamo con l’installazione di Apache e degli altri componenti del server LAMP.

2. Installazione e configurazione Apache

Per installare Apache anzitutto aggiorniamo la repository di Ubuntu digitando:

Quando finisce l’operazione procediamo installando Apache e digitiamo:

Se tutto è andato bene possiamo andare all’indirizzo http://192.168.56.1/ e verificare che si veda una pagina come la seguente:

Questa è la pagina default del nostro server Apache. La possiamo anche modificare andando nella cartella /var/www/html che è la root default del server.

Proviamo a farlo digitando:

Dentro Putty dovremmo vedere qualcosa come questo:

A questo punto usciamo dall’editor nano premendo CTRL+X e poi rimuoviamo il file e mettiamone uno nuovo digitando.

Dentro il file scriviamo semplicemente:

E salviamo premendo CTRL+O. Premiamo INVIO per confermare e CTRL+X per uscire.

Tornando su http://192.168.56.1/ dovremmo vedere qualcosa di analogo a questo:

3. Installazione e configurazione MySQL

Per installare il database MySQL digitiamo:

Premiamo Y alla richiesta di conferma dell’installazione e poi aspettiamo che sia ultimata. Una volta completata digitiamo:

Questo avvierà una procedura di configurazione del nostro database, durante la quale ci verranno richieste diverse cose. Alle varie domande rispondiamo rispettivamente:

Press y|Y for Yes, any other key for No: Y

Please enter 0 = LOW, 1 = MEDIUM and 2 = STRONG: 2

(dove: STRONG Length >= 8, numeric, mixed case, special characters and dictionary file)

New password: )9@JZ21@pam)KUfB)2hc{n[vrK?BAeTU  (questo è un esempio di password che possiamo mettere, questa password ha una qualità di 187bit e una lunghezza di 32 caratteri)

Se la passowrd è buona ci verrà detto qualcosa come:

Estimated strength of the password: 100

Proseguiamo:

Do you wish to continue with the password provided?(Press y|Y for Yes, any other key for No) : Y

Remove anonymous users? (Press y|Y for Yes, any other key for No) : Y

Disallow root login remotely? (Press y|Y for Yes, any other key for No) : Y

Remove test database and access to it? (Press y|Y for Yes, any other key for No) : Y

Reload privilege tables now? (Press y|Y for Yes, any other key for No) : Y

Fatto questo il database è pronto per l’utilizzo.

4. Installazione e configurazione PHP

Procediamo installando il PHP e digitando:

Confermiamo sempre con Y quando ci viene richiesto.

Una volta finito verifichiamo che sotto Apache le pagine index.php siano configurate come pagine predefinite:

Se tutto va bene vedremo qualcosa come:

Notiamo la presenza di index.php quindi possiamo procedere tranquillamente.

Per concludere riavviamo il server Apache.

5. Ulteriori configurazioni

A questo punto dovremmo fare ancora qualche implementazione, configurando alcune cose come:

  1. Sistemare il Firewall
  2. Mettere in sicurezza Apache
  3. Configurare fail2ban ed altri eventuali servizi

Io procederò con un esempio su come configurare un nuovo VirtualHost e installarci sopra WordPress.

6. Configurazione VirtualHost e installazione WordPress

Quello che vogliamo fare adesso è aggiungere un dominio al nostro server, affinché alla richiesta di un sito web su tale dominio esso risponde.

In poche parole voglio aggiungere il sito torregatti.com al mio server. Per farlo dobbiamo aggiungere un host virtuale. (qui un esempio della solita procedura)

Per farlo voglio creare, dentro a /var/www/ una cartella dedicata al dominio e poi aggiungerlo ai VirtualHost di Apache.

Procediamo quindi nel modo seguente creando anzitutto la suddetta cartella che, per motivi di ordine, chiamerò come il dominio:

Adesso assegniamo la cartella ad Apache modificando i permessi e digitando:

Aggiungiamo il VirtualHost in sites-available copiando un modello esistente:

Modifichiamo il file che abbiamo appena copiato ed aperto fino ad ottenere qualcosa di simile:

In questo modo il nostro server risponderà sia al dominio torregatti.com che al sottodominio www.torregatti.com

Salviamo con CTRL+O e confermiamo premendo INVIO.

Abilitiamo il host digitando:

Ricarichiamo Apache digitando:

A questo punto possiamo testare la nostra configurazione da dentro Windows modificando il file hosts in C:\Windows\System32\drivers\etc\ impostandolo nel modo seguente:

Salviamo e verifichiamo dal browser che il risultato sia simile a questo:

7. Installazione e configurazione di WordPress

Adesso voglio concludere installando WordPress sul nostro nuovo dominio appena creato.

Anzitutto spostiamoci dentro la cartella del dominio e scarichiamo WordPress digitando i seguenti comandi:

Installiamo zip e scompattiamo il pacchetto:

Spostiamo tutti i file da dentro la cartella wordpress alla radice del dominio digitando:

Rimuoviamo la cartella wordpress:

Assegniamo tutti i file ad Apache, altrimenti avremo problemi durante l’utilizzo del portale (per esempio nel caricamento delle immagini).

Creiamo ora un database con utente per la torregatti.com

Accediamo al database digitando:

Creiamo un nuovo database digitando:

Creiamo un utente per il database e diamogli tutti i privilegi.

A questo punto andando su http://torregatti.com dovremmo vedere l’installazione di WordPress.

Completiamo tutti i dati che abbiamo già configurato:

Completiamo l’installazione seguendo le istruzioni a video ed abbiamo finito.

Vedi articolo

[python] Esercizio su utilizzo di socket e database

Proviamo a realizzare questo semplice esercizio: vorrei avere un server ed un client che possano comunicare tramite socket, in modo tale che il client possa richiedere al server dei dati, il server preleverà tali dati da un database MySQL e li invierà al client.

Lo schema dell’esercizio è approssimativamente questo:

Per svolgere l’esercizio utilizzerò un database con una tabella clienti costruita nel modo seguente:

In aggiunta utilizzerò una classe MySQLdb personalizzata, sviluppata nel modo seguente e messa nel file database.py:

La cartella dell’intero progetto sarà organizzata nella maniera seguente:

client.py
librerie
└── database.py
└── __init__.py
server.py

Fatte queste premesse andiamo anzitutto a creare il nostro file server.py. Nel codice ho inserito i commenti ai vari passaggi:

Adesso è il momento del client.py.

I risultati che dovremmo vedere sono rispettivamente:

1. Per il server vedo quando è stato avviato, da dove e da quale porta

2. Sul client vedo l’elenco presente sul database.

Vedi articolo

[wordpress] Too few arguments to function wpdb::prepare()

Soluzione veloce: Nella funzione $wpdb->prepare() va aggiunto almeno un argomento, che può essere anche array(), nella maniera seguente $wpdb->prepare( “SELECT * FROM tabella” , array() ).

Questo errore si presenta perché nella funzione $wpdb->prepare() manca un argomento, ovvero quello dei parametri da “preparare” dentro la query. Supponiamo per esempio di avere una variabile $id che vada inserita in una query. La seguente operazione sarebbe sbagliata:

L’errore sarebbe sia pratico che concettuale. Anzitutto questa scrittura di per se non necessita del $wpdb->prepare() dal momento che la variabile è già inserita nella stringa.

In secondo luogo la definizione della funzione prevede l’utilizzo di almeno due argomenti, come descritto qui: wpdb::prepare( string $query, array|mixed $args )

La funzione corretta sarebbe:

Oppure:

 

Vedi articolo