Google non va sulle reti Telecom… per alcuni minuti

Stasera molti utenti delle reti Telecom, in particolare Alice ADSL si sono accorti che Google non andava! A quanto pare il problema stava nell’instradamento delle connessioni sulla rete Telecom, che anziché seguire il percorso di tutti gli altri, finivano in Brasile, come riportato da alcuni utenti su Twitter. Su tutte le altre reti si navigava normalmente.

 

 

Il normale percorso che avrebbe dovuto seguire sarebbe stato simile a questo (io esco da Fastweb, ma dopo il percorso dovrebbe essere uguale):

 

Vedi articolo

Recensione disonesta su Noctis in Tekken 7

Me n’ero quasi dimenticato che ci sarebbe stato, quando finalmente, lo scorso 20 marzo, al cast di Tekken 7 si è aggiunto anche Noctis da Final Fantasy XV. Questa naturalmente non potrà che essere una recensione disonesta, dal momento che si fondono insieme due delle mie saghe preferite.

Noctis fa letteralmente il botto. E’ una specie di sintesi perfetta tra Jun, Hwoarang e Kazumi (miei combattenti preferiti). Similmente a Jun, ha alcune perfette aperture dall’alto (uf+3, u+2), mentre con Kazumi condivide quelle dal basso che rompono veramente un sacco le scatole (df+2) e la possibilità di raggiungere l’avversario a distanza (f,f+2). Comunque niente di assurdo tipo il raggio di Devil Kazuya o Devil Jin. Con Hworang non condivide tanto i calci, quanto alcune semplicissime pressioni di tasti che si trasformano in velocissime combo (Blitz Rush con 2,2,2,2,2) e alcuni sgambetti (d+4, combinabile in d+4,1,1+2), oltre che la velocità. A parte questi piccoli apprezzamenti squisitamente personali (Jun è stata in assoluto il mio personaggio preferito dell’intera saga), l’intero set di mosse è molto coreografico e bello da vedere, per quanto di per se solo alcuni colpi siano veramente devastanti (diciamo che vige la regola dei tanti piccoli colpi ben assestati).

Molti si sono lamentati che non c’entri molto con Tekken, anche se sinceramente non sono d’accordo (sebbene ammetto di essere molto di parte); in questo ultimo capitolo si schiera nella risma dei personaggi dotati di armi alla Alisa e Yoshimitsu, e coniuga alla perfezione molto caratteristiche dei personaggi maschili (tipicamente colpi forti e lenti) con quelli dei personaggi femminili (colpi deboli, ma veloci). Personalmente lo trovo un mix perfetto.

Inoltre, a differenza degli ultimissimi DLC, non ci sono mosse poco tekkenose, tipo combinazioni b,f o semicerchi in stile Akuma, per quanto mi renda conto che quelle sono necessariamente derivative dai giochi originali. A tal proposito potrei citare il caso di Kazumi, personaggio comunque originale, della quale uno dei linker migliori si esegue premendo b,f (per esempio il Tiger Demon’s Gate, b,f,2,1,4), che trovo abbastanza scomodo (sarà anche per via del tipo di joystick, ma tant’è).

L’unica pecca vera è la scarsità di costumi, che mi ha lasciato un poco deluso, mentre per Geese, Eliza ed Akuma (che ok, non è un DLC, ma è comunque un personaggio esterno) le possibilità di personalizzazione equivalgono a quelle dei personaggi regolari.

Insomma se siete appassionati come il sottoscritto di entrambe le saghe questo non ve lo potete proprio perdere.

Infine segnalo un ottimo video di combo che ho trovato su youtube e sul quale mi sto ancora esercitando, per tutti quelli che volessero approfondire.

Vedi articolo

Save Editor FF8

Di recente ho riscoperto la mia passione per Final Fantasy 8 grazie alla versione remastered di Steam. In realtà volevo rigiocare alla mia vecchia copia da PC, ma poi ho scoperto che non era più possibile installarla su computer a 64-bit (qualcuno suggeriva un’installazione in modalità provvisoria, per poi dover però correggere ben altri problemi!). Così mi sono messo alla ricerca di una soluzione ed ho scoperto che su Steam c’era una versione aggiornata e funzionante anche su Windows 10!

Vecchia copia da PC! Notare l’offerta per “internet gratis” con i vecchi modem 56k.

Adesso non starò ad approfondire i dettagli su questo gioco che amo profondamente (sì ok, quando ci giocai avevo anche una cotta per quel turbodisfattista di Squall), ma quando un gioco gira su PC inevitabilmente viene da chiedersi se ci sarà anche qualche modo meschino per crackarlo o modificarlo a proprio piacimento.

Ed ho scoperto che c’è! Ebbene sì, esiste già un programma perfettamente funzionante per modificare i file di salvataggio del gioco.

Il programma si chiama Hyne (1.9.2), ed è possibile scaricarlo in diverse versioni da Github.

Da quello che ho potuto testare funziona anche sulla versione Steam, e non appena finisco il gioco non mancherò di divertirmi con un po’ di OP.

Il programma è molto intuitivo ed offre una configurazione dettagliata tramite interfacce grafiche dedicate.

Una volta aperto il salvataggio (i salvataggi di Steam si trovano di predefinito nella cartella Documenti %USERPROFILE%\Documents\Square Enix\FINAL FANTASY VIII Steam\user_XXXXXX) ci si presenterà una schermata simile alla precedente, dove potremo selezionare il salvataggio che ci interessa.

Seguiranno una serie di schermate dalle quali sarà possibile modificare nei più piccoli dettagli le caratteristiche del gioco (io devo ancora giungere al garden di Galbadia)

Una volta fatto è sufficiente salvare il file. Consiglio naturalmente di tenere una copia di backup del file originale, per ogni evenienza.

Fonte: Hyne

Vedi articolo

Labirinto disegnato in PHP

Per gli appassionati di Pathfinder come me capita di fare il master e voler proporre qualche simpatico labirinto ai propri avventurieri. Online si trovano già moltissimi generatori di dungeon, però ho deciso di svagarmi un po’ questo sabato pomeriggio creando uno tutto mio in PHP.

Questo è il risultato (si rigenera ad ogni refresh della pagina):

Vediamo il codice sufficiente per ottenerlo:

Le impostazioni nell’esempio sono le medesime per ottenere l’immagine di sopra.

Vedi articolo

Calcolare IRR (Internal Rate of Return o TIR.COST) in VBA

Problema: la funzione TIR.COST (Tasso Interno di Rendimento) restituisce un unico valore per l’IRR anche quando ce ne è più di uno

Senza discutere sull’interpretazione dell’IRR stesso, immaginiamo di avere i seguenti due scenari di flusso di cassa.

I Scenario

Questo produce un grafico VAN-IRR come quello seguente:

In questo caso abbiamo due valori dell’IRR rispettivamente 15,47% e 33,33%; la funzione TIR.COST restituisce solamente il primo valore.

II Scenario

A questa serie di flussi di cassa corrisponde il seguente grafico:

In questo caso abbiamo due valori dell’IRR rispettivamente 1,99% e 19,65%; la funzione TIR.COST restituisce solamente il secondo valore.

Costruiamo quindi in VBA le funzioni necessarie per effettuare questo calcolo; come già mostrato anche qui utilizzeremo una funzione che restituisca un vettore di valori sotto forma di Variant, in modo da poterli valutare singolarmente (per esempio utilizzando le funzioni MIN e MAX, quando i valori sono solo due, quindi =MIN(IRRX(A1:A10)) oppure =MAX(IRRX(A1:A10))).

La funzione finale si chiama IRRX, quella che utilizzeremo dentro il foglio excel.

Le altre funzioni servono rispettivamente a:

  • IRRv1 – calcolare in modo approssimativo tutti gli IRR possibili su uno specifico flusso di cassa, con valore massimo per l’IRR al 30.000% (espresso come max = 300), inutile dire come questo valore possa essere impostato anche a molto meno per velocizzare i calcoli; l’IRR qui viene calcolato per ogni punto percentuale con scarti del 1%
  • IRRv2 – qui calcoliamo, per ogni valore di IRR trovato con la precedente funzione, il valore approssimato mediante iterazione su valori che vanno da IRRv2 ± 1%
  • VAN – questa funziona calcola semplicemente il VAN sul dato IRR

 

Testato su Excel 2016.

Vedi articolo

Creare una funzione personalizzata in VBA per Excel che restituisca una matrice

Obiettivo: creare una funzione personalizzata in Excel che restituisca come risultato una matrice n x m

Supponiamo di voler realizzare una funzione personalizzata in Excel che effettui la medesima operazione di MATR.PRODOTTO, ma allo stesso tempo consideri sempre la matrice in ingresso A come una matrice n x 1 e la matrice in ingresso B come una matrice 1 x m. Facciamo questa semplificazione a titolo di esempio.

Quindi abbiamo due matrici tipo queste:

A =  \begin{bmatrix}  a_1 \\ a_2 \\ a_3  \end{bmatrix}    B =  \begin{bmatrix}  b_1 & b_2 & b_3  \end{bmatrix}

Il loro prodotto risulterà così:

A \times B=  \begin{bmatrix}  a_1b_1 & a_1b_2 & a_1b_3 \\  a_2b_1 & a_2b_2 & a_2b_3 \\  a_3b_1 & a_3b_2 & a_3b_3  \end{bmatrix}

Nel nostro modulo aggiungiamo ora il seguente codice:

Notiamo che in questo modo vengono percorsi tutti i valori del range, indipendentemente dalla loro geometria, come se fossero in una riga o colonna.

Per testare il risultato possiamo fare una verifica su un esempio con la funzione MATR.SOMMA.PRODOTTO. Nel caso specifico creiamo una versione e parametrizzabile del SOMMA.PIÙ.SE.

A1:A7 e B1:B7 sono riempiti con valori da esempio. E2:H2 saranno quattro spazi dove potremo inserire, a nostro piacimento da 0 a 4 nominativi da verificare. In E3 abbiamo la seguente formula di controllo (NB: fatta con MATR.PRODOTTO):

=MATR.SOMMA.PRODOTTO(–(A2:A7=E2:H2);MATR.PRODOTTO(B2:B7;E1:H1))

In E4 aggiungiamo invece la formula con la nostra versione di MATR.PRODOTTO:

=MATR.SOMMA.PRODOTTO(–(A2:A7=E2:H2);MATH_MATRICE(B2:B7;E1:H1))

Scopo raggiunto.

Vedi articolo

Creare mappa personalizzata in Civilization VI

Creare una mappa personalizzata in Civilization VI è estremamente facile (e anche molto divertente).

Il gioco integra un World Builder a cui si può accedere dai contenuti aggiuntivi.

L’editor non è dei migliori, dal punto di vista grafico e dell’utilizzabilità, però fa il suo sporco dovere. Basterà fare un po’ di prove per capire come funziona. Una caratteristica in particolare, da tenere a mente, è l’inserimento delle città stato, che normalmente dovrebbe avvenire tramite script e che altrimenti dobbiamo mettere a mano.

Per farlo sarà sufficiente impostare il leader desiderato come “caratteristica del terreno“, nel modo seguente:

Clicchiamo sulla casella nella quale vogliamo mettere la città stato e poi impostiamo la Start Position su Leader e nel menu a tendina di sotto il nome della città stato che vogliamo inserire.

Una volta creata la nostra mappa premiamo ESC e salviamo dal menu, come se stessimo salvando il gioco.

Da impostazione predefinita la mappa viene salvata con estensione *.Cvi6Map in:

%UserProfile%\Documents\My Games\Sid Meier’s Civilization VI\Saves\WorldBuilder

A questo punto per aggiungerla alle mappe giocabili nel gioco è sufficiente apportare un paio di modifiche.

Nel mio esempio il gioco è installato su Steam, quindi ci spostiamo su:

%ProgramFiles%\Steam\steamapps\common\Sid Meier’s Civilization VI\Base\Assets\Configuration\Data

Qui dentro si trovano i file XML con tutte le mappe giocabili nel gioco, possiamo aprirne alcuni per capire come funziona la cosa e poi crearne uno nostro personale, da aggiungere a quelli esistenti. Il file si potrebbe chiamare per esempio LeMieMappe.xml (faccio notare come il nome del file è assolutamente irrilevante, purché sia un file XML e probabilmente non contenga caratteri speciali).

Adesso vediamo un esempio di configurazione base (nel mio esempio ho spostato la mappa dalla posizione di salvataggio in

%ProgramFiles%\Steam\steamapps\common\Sid Meier’s Civilization VI\Base\Assets\Maps\Extra (ma questo cambiamento non è obbligatorio)

Faccio notare alcune caratteristiche interessanti:

Maps: definisce il percorso della mappa, il nome e la descrizione che appariranno a video, oltre che un indice per l’ordinamento, ovvero la posizione in cui farla apparire assieme a tutte le altre mappe

MapSizes: definisce i parametri entro i quali può essere configurato il gioco, oltre che la dimensione predefinita, il numero minimo e massimo di giocatori ecc.

In questo unico file potremmo aggiungere n mappe, specificando i dettagli in entrambi i tag.

Vedi articolo

Calcolare indirizzo IP e rete in PHP

In rete si trovano già numerosi calcolatori di indirizzi IP e rete, come per esempio questo oppure questo.

Prendendo spunto da essi ecco una classe in PHP per ottenere i medesimi risultati. Lo scopo principale in questo caso è utilizzare le operazioni binarie in PHP per calcolare i vari valori di ID Rete, Subnet mask, ecc.

Ecco di seguito un esempio di utilizzo:

 

Vedi articolo