Combinazione cassetta di sicurezza portatile R.P.D. in Resident Evil 2 Remake [Leon 2nd run]

All’interno della Stazione di Polizia, nella stanza di osservazione, accanto alla stanza degli interrogatori, si trova una cassetta di sicurezza del R.P.D., dentro la quale si trova uno dei pulsanti (chiamato pezzo di ricambio) per la tastiera della stanza degli armamenti.

ATTENZIONE! La combinazione dei tasti potrebbe cambiare, in tal caso sarà sufficiente seguire la stessa logica, segnandosi tutte le associazioni.

Per aprire la cassetta è sufficiente attivare i led in senso antiorario. Le associazioni tra led e tasti sono le seguenti:

Una delle possibili combinazioni è dunque: 1, 7, 3, 2, 4, 8, 5, 6

In sostanza è importante solamente che i led vengano attivati uno dopo l’altro in senso antiorario.

Nella lavanderia del primo piano si trova invece la seconda cassetta di sicurezza portatile, per la quale l’associazione dei tasti è la seguente:

In questo caso una delle possibili combinazioni, sempre in senso antiorario è: 1, 5, 7, 6, 2, 8, 3, 4

Vedi articolo

Medaglioni e statue in Resident Evil 2 Remake [Leon 2nd run]

Il medaglione del Leone si prende dalla Statua del Leone al secondo piano dell’ingresso della Stazione della Polizia.

La combinazione è: corona, braciere, colomba

Il medaglione dell’Unicorno si trova nella stanza in fondo al corridoio, dopo le docce al secondo piano (ci si può accedere anche dalla biblioteca, sempre al secondo piano) della Stazione di Polizia.

La combinazione è: bambini, bilancia, verme

Il medaglione della Fanciulla si trova invece al secondo piano, in fondo al ripostiglio. Per accedervi bisogna attivare l’esplosivo al C4 con il detonatore e la batteria.

La combinazione è: ariete, arpa, civetta

Vedi articolo

[risolto] Wacom Desktop Center: nessun dispositivo connesso (su Windows 10)

Problema: la tavoletta grafica non sembra essere più riconosciuta dal Wacom Desktop Center, nonostante sia stata installata correttamente e altra volte la riconoscesse

Soluzione: riavviare il servizio Wacom Professional Service da Servizi di Windows

Il problema potrebbe dipendere dal servizio Wacom Professional Service che per qualche motivo si è bloccato (in altri casi bisogna reinstallare il driver). Aprendo il Wacom Desktop Center sotto la voce I miei dispositivi si vedrà che non ci sono dispositivi connessi ed apparirà il messaggio: nessun dispositivo connesso

Per risolvere il problema premiamo Win+R e digitiamo services.msc

Si aprirà la finestra di gestione dei servizi, cerchiamo il servizio Wacom Professional Service o TabletServiceWacom.

Una volta individuato il servizio clicchiamoci sopra col destro e selezioniamo la voce Riavvia.

A questo punto apriamo nuovamente Wacom Desktop Center e dovremmo vedere nuovamente la tavoletta elencata tra i nostri dispositivi.

[questa soluzione è stata testata con una Wacom – One]

Vedi articolo

[PCSX2] Giocare a Harry Potter e il prigioniero di Azkaban per PS2 su PC con PCSX2

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban uscì per PS2 nel 2004. Se avete ancora il gioco, ma non una PlayStation2 e volete provare a giocarci da PC una possibile soluzione è utilizzando l’emulatore PCSX2.

Ringrazio @Memento_Gallery per la foto

Prima di procedere premetto che questo è uno di quei giochi (tutta la serie di Harry Potter per PS2 sembra essere affetta dal medesimo problema) che sugli emulatori dà più rogne che altro.

Anzitutto vediamo di cosa abbiamo bisogno:

  1. Emulatore PCSX2 v1.5.0-dev-3362 (quella su cui ho testato la presente soluzione)
  2. Emulatore joystick PS4 DS4Windows (se intendete usare un DualShock 4 come il sottoscritto, altrimenti basta un qualunque controller compatibile con Windows)
  3. BIOS originale della PS2 da utilizzare su PSCX2 (rimando a internet su come procurarselo)
  4. File ISO del gioco. Se avete il gioco su DVD come il sottoscritto, potete masterizzare un file ISO direttamente dal computer inserendo il gioco nel lettore.

Prima di cominciare scarichiamo ed installiamo il PCSX2.

Possiamo lasciare tutte le impostazioni sui parametri predefiniti, finché non si arriverà alla scelta del BIOS della PS2. A quel punto selezioniamo la cartella dove abbiamo il file del BIOS e scegliamo la versione che preferiamo, io ho quella Europea naturalmente.

A questo punto configuriamo l’emulatore con i parametri riportati di seguito.

Anzitutto andiamo su Configurazione > Impostazioni emulazione > Speed Hack

image.png

Qui spuntiamo la voce MTVU (microVU1 multi-threaded).

Andiamo su Configurazione > Video (GS) > Impostazioni plugin… e configuriamo i parametri nel modo seguente:

image.png

Clicchiamo su Advanced Settings and Hacks e modifichiamo i parametri come i seguenti:

image.png

A questo punto andiamo su Configurazione > Audio (SPU2) > Impostazioni plugin… ed impostiamo i parametri come quelli di seguito:

image.png

Fatto questo possiamo caricare la ISO ed avviare il gioco.

Se state usando un controller PS4 consiglio di avviare DS4Windows prima dell’emulatore, per far sì che lo veda come un controller standard di Windows.

Vedi articolo

[FIFA20] Configurazione firewall di Fastweb per consentire la connessione online

Premetto che non dovrebbe essere necessario aggiungere il gioco al firewall del router di Fastweb e che, la maggior parte dei problemi di connessione, dipende dai server della EA o altri elementi mistici fuori dalla nostra comprensione umana.

A tale proposito rimando agli articoli dove ho affrontato la cosa in modo più generale:

[FIFA19] La connessione con l’avversario si è interrotta

[FIFA20] La connessione con l’avversario si è interrotta

Qui voglio vedere quali sono le porte che devono essere aperte sul router e, nel caso specifico, come configurare il router di Fastweb.

Anzitutto il modello del mio router è un MediaAccess TG788vn v2 della Technicolor (quelli recenti in dotazione con Fastweb).

Per accedere al router, se non sappiamo come fare, procediamo nella maniera seguente. Premiamo WIN+R e digitiamo cmd.

Si aprirà il Prompt dei comandi. Digitiamo ipconfig e premiamo INVIO.

Dovremmo vedere qualcosa di simile:

L’indirizzo Gateway predefinito è l’indirizzo del router. Nel mio caso aprirò quindi il browser per andare sul web e digiterò: http://192.168.1.254

Si aprirà la schermata di accesso al router. I dati di accesso predefiniti dovrebbero essere:

username: fastweb

password: lasciare vuoto

Nel caso di dubbi si possono trovare i manuali online sul sito stesso di Fastweb, come questo qui: Technicolor TG788VN

Una volta dentro il router spostiamoci su Casella degli strumenti > Condivisione giochi e applicazioni

Clicchiamo su Crea un nuovo gioco o una nuova applicazione

Si aprirà una schermata nella quale dovremo immettere le porte da assegnare allo specifico gioco o applicazione.

Per l’elenco delle porta necessarie a tale scopo si può consultare il sito della EA: Aprire le porte per risolvere i problemi di connessione

Nel caso specifico di FIFA le porte da aprire sono le seguenti:

Le porte che devono essere aperte per FIFA20 da PC sono: UDP 3659, 9565, 9570, 9000 – 9999, TCP 3569, 9946, 9988, 10000 – 20000, 42124.

Configuriamo quindi le porte per il dispositivo che ci interessa, io le configurerò per il gioco da PC, nel modo seguente:

Quando è tutto pronto clicchiamo su Applica in cima, dopo aver assegnato un nome al gioco. Torniamo alla schermata precedente e selezioniamo Assegna un gioco o un’applicazione a un dispositivo di rete locale.

Selezioniamo dal menu a tendina il gioco appena configurato e il nome del nostro dispositivo (nel mio caso è il nome del mio computer) e premiamo su Applica.

Faccio notare che devono essere attive le opzioni Usa UPnP e Usa attivazione estesa.

Se abbiamo fatto tutto correttamente possiamo tornare a provare a giocare.

Vedi articolo

[FIFA20] La connessione con l’avversario si è interrotta

Esattamente come succedeva con FIFA19 anche con FIFA20 giocare online è un terno al lotto. Pertanto rimando anzitutto al precedente articolo per alcuni suggerimenti, come l’attivazione dell’UPnP e le verifiche sul firewall. La soluzione che propongo qui è pregare antiche divinità egizie quali Bast oppure Osiride, affinché siano caritatevoli e permettano di giocare.

Dico questo perché dopo diversi tentativi, spesso senza aver cambiato nulla rispetto alla situazione precedente, il gioco decide di partire, quindi la soluzione potrebbe essere: ritenta e sarai più fortunato. Lo con un pizzico di frustrazione perché è veramente incredibile.

Una cosa che talvolta, ma sottolineo talvolta e qui lo dico e qui lo nego, sembra aiutare è disattivare il protocollo IPv6 e riavviare la connessione dalla scheda di rete.

Per farlo, come ho scritto anche nel precedente articolo, basta andare sul Pannello di Controllo > Rete e Internet > Centro connessioni di rete e condivisione

Sulla destra clicchiamo sulla voce Modifica impostazioni scheda

Si aprirà l’elenco delle nostre schede di rete. Individuiamo la nostra scheda di rete e clicchiamo col destro sopra, poi andiamo su Proprietà:

Da qui rimuoviamo il protocollo IPv6 da quelli selezionati, ottenendo una schermata simile:

A questo punto diamo OK e torniamo sulla scheda di rete. Clicchiamoci sopra col destro e scegliamo Disabilita.

NB: Io queste operazioni le ho provate a gioco avviato, senza spegnerlo o riavviarlo.

Quando la scheda si disabilita clicchiamo di nuovo col destro e scegliamo Abilita come prima.

Torniamo al gioco, che nel frattempo ci avviserà che la connessione è stata perduta, e premiamo eventualmente R3 per ricollegarci dal menu principale (dovrebbe riconnettersi da solo dopo poco).

Adesso ritentiamo la fortuna. Ho avuto l’impressione che questa procedura sortisse qualche effetto, ma dal momento che sono stati fatti diversi tentativi a vuoto potrebbe essere stata anche solo un’incredibile coincidenza.

Sono arrivato anche a supporre che sia sufficiente riavviare la connessione, senza dover disabilitare l’IPv6.

Per la configurazione generale rimando all’articolo: [FIFA19] La connessione con l’avversario si è interrotta

Sottolineo il fatto che tutto il resto è rimasto inalterato (tentativi quali disabilitare il firewall non avevano sortito alcun effetto) e che semplicemente, insistendo per quei 20 minuti buoni che ti fanno perdere la pazienza, il gioco ad un certo punto decideva che era possibile giocare in rete.

Quando si dice che serve tanta pazienza…

Vedi articolo

[FIFA20] Avviare FIFA 20 da Steam e utilizzare il controller DualShock della PS4 su PC

Un’altra soluzione, per usare il DS4 su PC, alternativa all’uso del DS4Windows di cui ho parlato nel precedente articolo, è lanciare FIFA20 direttamente da Steam Big Picture, utilizzando la gestione del controller di Steam stesso (che ricordo essere perfettamente compatibile con i controller PS4).

Per farlo basta seguire la seguente procedura:

1. Disabilitare la sovrapposizione in gioco di Origin

Andare su Origin > Impostazioni applicazione > Origin in gioco e disabilitare l’opzione Attiva Origin in gioco.

In questo modo Origin non interferirà con Steam.

2. Aggiungere il gioco in Steam

A questo punto apriamo Steam e andiamo su Giochi > Aggiungi un gioco non di Steam alla libreria…

Si aprirà una lista di programmi da cui cerchiamo e selezioniamo FIFA20 (nell’immagine di seguito c’è per esempio FIFA19 che non ho aggiunto ancora su Steam).

Spuntiamo il gioco desiderato e premiamo il tasto Aggiungi i programmi scelti.

Fatto questo vedremo comparire il gioco nella nostra lista di giochi.

3. Configuriamo FIFA20 affinché si avvii senza la schermata di Start.

Dal momento che voglio avviare il gioco da Steam Big Picture, che viene controllato dal controller, voglio saltare la noiosa schermata delle impostazioni e di avvio che si apre di predefinito con FIFA.

Per farlo vado a modificare il file in [...]\Origin Games\FIFA 20\FIFASetup\config.ini che si trova nella cartella di installazione del gioco.

Apriamo il file con un editor di testo e aggiungiamo, in fondo, la seguente riga: AUTO_LAUNCH = 1

Una volta modificato il file dovremmo vedere qualcosa come questo al suo interno:

Salviamo e chiudiamo il file.

4. Per giocare avviamo Steam Big Picture

A questo punto possiamo avviare Steam Big Picture cliccando sull’apposita icona in alto a destra.

Da dentro l’applicazione possiamo lanciare FIFA20 e sfruttare le configurazioni e la gestione del controller della PS4 da parte di Steam.

In aggiunta così possiamo anche sfruttare tutte le opzioni della sovrapposizione Steam, compresi gli screenshot con F12.

Vedi articolo

[FIFA 20] Giocare utilizzando il controller della PS4 sul PC con DS4Windows

Dopo diverse peripezie sono giunto alla conclusione che per FIFA20 la soluzione migliore sia usare Steam Big Picture per le configurazioni del controller PS4. Qui la spiegazione su come fare.

Origin proprio non ne vuole sapere di rendere compatibili i controller DualShock di PS4 con i propri giochi, quindi bisogna munirsi di soluzioni alternative. Nel caso specifico si può usare DS4Windows. Però anche in questo caso le sorprese non mancano. Se con FIFA 19 basta avviare il programma, con FIFA 20 bisogna anche ricorrere all’opzione Hide DS4 Controller.

Anzitutto scarichiamo l’ultima versione di DS4Windows. Possiamo farlo dalla pagina del progetto ufficiale.

Scarichiamo l’ultima versione e scompattiamola nella posizione che preferiamo.

Troveremo un elenco di file in questo modo:

Se vogliamo possiamo aggiungere, per comodità, il collegamento all’eseguibile nel Menu Start. Per farlo clicchiamo col destro sull’eseguibile e selezioniamo l’opzione Aggiungi a Start.

Fatto tutto questo avviamo DS4Windows.exe.

Se non lo abbiamo ancora configurato partirà l’installazione del ViGEmBus Driver.

Nel mio caso cliccherò sullo Step 1: Installa the ViGEmBus Driver.

A questo punto spostiamoci sulla scheda delle impostazioni e spuntiamo l’opzione Hide DS4 Controller.

E’ possibile che ci appaia un messaggio di questo genere: Warning: Could not open DS4 90:89:5F:94:F3:53 exclusively. You must quit other applications like UWP apps (Netflix), Steam, Uplay, NVIDIA IN-GAME before activating the 'Hide DS4 Controller' option. For more info check https://github.com/Ryochan7/DS4Windows/wiki/Exclusive-Mode-(Hide-DS4-Controller-config-option)-tips-and-issues

Il programma ci sta avvisando, in sostanza, che altri programmi impediscono la disattivazione del controller che Windows vede automaticamente. Finché non lo disattiviamo il gioco vedrà entrambi i controller, sia quello creato dal DS4Windows, che quello installato direttamente su Windows stesso.

In poche parole, sul pannello di controllo, da Pannello di controllo > Hardware e suoni > Dispositivi e stampanti si vedranno 2 controller che in realtà sono uno solo:

Affinché l’operazione vada a buon fine dobbiamo disattivare tali programmi, chiudendo quindi tutte le applicazioni come Steam, Uplay oppure Origin stesso.

Inoltre dobbiamo disattivare anche la Sovrapposizione NVIDIA che utilizza il controller.

Per farlo andiamo su NVIDIA GeForce Experience cliccando col destro sull’icona nel vassoio di sistema:

Andiamo sulle impostazioni cliccando sull’ingranaggio in alto a destra:

Da qui deselezioniamo sovrapposizione di gioco.

A questo punto dovremmo essere in grado di usare tranquillamente il controller della PS4 emulato da DS4Windows.

Nel caso ci fossero problemi su questo ultimo passaggio riavviare il PC e prima di avviare qualunque altro programma far partire DS4Windows.

Se dopo il riavvio il controller continuasse a dare problemi, oppure non fosse accessibile a DS4Windows, andare in Pannello di controllo > Hardware e suoni > Dispositivi e stampanti e cliccare col destro su Wireless Controller selezionando l’opzione Rimuovi dispositivo.

Una volta rimosso staccare il cavo USB dal controller e riattaccarlo, aspettando l’installazione dei driver da parte di Windows.

Vedi articolo

[FIFA19] Crash DirectX function Dx12Renderer::waitOnSwapChain

In modo del tutto casuale durante il gioco (a me è successo con FIFA19, ma pare succeda anche con altri giochi tipo Battlefield) tutto si blocca con il seguente DirectX Error:

DirectX function “Dx12Renderer::waitOnSwapChain Gpu timeout detected” failed with DXGI_ERROR_DEVICE_HUNG. DirectX function “Dx12Renderer::waitOnSwapChain Gpu timeout detected” failed with DXGI_ERROR_DEVICE_HUNG. GPU: “”, Driver: 43648. This error is usually caused by the graphics driver crashing; try installing the latest drivers. Also, make sure you have a supported graphics card with at least 1024 MB of VRAM.

Inutile dire come la scheda video abbia 8GB di RAM e i driver siano aggiornati all’ultima versione (nel mio caso driver NVIDIA 436.48). Anche reinstallare i driver non sembra sortire alcun effetto e il problema sembra manifestarsi in modo del tutto casuale (anche se potrebbe essere collegato alla connessione col server, dal momento che ho notato che appare più frequentemente, tanto da rendere il gioco ingiocabile, quando la EA ha problemi coi server).

In ogni caso una soluzione che sembra funzionare consiste nell’apportare una modifica al registro di sistema, aumentando il tempo per il parametro Timeout Detection and Recovery. In pratica Windows tenta di verificare se la scheda video abbia completato o meno una certa operazione entro un tempo consentito (2 secondi); qualora questo non succeda si innesca il meccanismo di errore. Una più dettagliata spiegazione del fenomeno può essere trovata sul supporto Microsoft.

Per cercare di correggere il problema aumentiamo quindi il tempo del TDR nella maniera seguente.

  1. Premiamo Win+R e digitiamo regedit nella finestra Esegui. Premiamo OK e apriamo il Registro di sistema.
  2. Posizioniamoci in Computer\HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\GraphicsDrivers
  3. Nel riquadro sulla destra clicchiamo con il tasto destro del mouse e creiamo una nuova chiave di tipo QWORD (per i computer a 64bit)
  4. Come nome della chiave digitiamo TdrDelay
  5. Clicchiamoci due volte sopra ed inseriamo 10 come valore decimale (altrimenti la lettera a come valore esadecimale) in modo da aumentare il tempo a 10 secondi (possiamo anche aumentare il valore maggiormente nell’eventualità di altri problemi)
  6. Chiudiamo il registro di configurazione e riavviamo il computer, in modo da ricaricare il registro (in teoria sarebbe sufficiente riavviare esplora risorse)

Fatto questo il problema non dovrebbe più presentarsi.

Nel caso che il problema non si fosse ancora risolto possiamo provare a modificare le Impostazioni 3D per il gioco (questo per i possessori di una NVIDIA).

Procediamo nella maniera seguente:

  1. Clicchiamo col destro sul desktop e scegliamo Pannello di controllo NVIDIA
  2. Andiamo su Impostazioni 3D > Gestisci le impostazioni 3D
  3. Apriamo la scheda Impostazioni programma e selezioniamo FIFA 19
  4. Modifichiamo le seguenti voci:
    Sincronizzazione verticale: Usa l’impostazione dell’applicazione 3D
    Tecnologia monitor: Aggiornamento fisso
    Velocità di aggiornamento preferita: La più elevata disponibile
  5. Premiamo sul tasto Applica

Il crash sulle DirectX 12 sembra infatti legato alla tecnologia G-SYNC dei monitor NVIDIA.

Vedi articolo

[risolto] Su Chrome appare una banda nera in alto che impedisce di cliccare sulle schede o sui pulsanti della finestra

Problema: Su Windows 10, utilizzando due monitor, su Chrome appare una banda nera in alto che impedisce di cliccare sulle schede, sul menu delle opzioni oppure sui pulsanti della finestra.

Soluzione: Aprire il task manager premendo ALT+CTRL+CANC e andando su Gestione Attività, andare in Dettagli e trovare il processo dwm.exe. Terminare il processo. Il processo dovrebbe riavviarsi da solo, risolvendo il problema.

Più nel dettaglio sembra che si tratti di un bug, già noto dalla seconda metà del 2018, di Windows 10. Nel caso specifico il problema si presenta nella maniera seguente:

Lì dove dovrebbero esserci le schede ed i pulsanti della finestra c’è solo una striscia nera. Il problema si presenta solamente a schermo intero e su un singolo monitor.

Riducendo la finestra, oppure aprendola a schermo intero su un altro monitor, il problema non sembra presentarsi. Dei due o più monitor non c’è uno “preferito” dal problema, avviene in modo casuale su qualunque. L’unica soluzione possibile sembra il riavvio del sistema.

Un’altra soluzione suggerita da Microsoft è quella di disabilitare l’accelerazione hardware in Chrome, ma questo non sembra incidere in alcun modo sulla questione, tanto più che io l’avevo disattivata da principio e la cosa è iniziata a succedere diverso tempo dopo.

In sostanza sembra che al momento, a meno che non correggano questo errore con qualche nuovo aggiornamento, l’unica soluzione concreta, a parte il riavvio, sia quella di terminare il processo dwm.exe (Desktop Windows Manager). Una volta terminato, il processo si riavvierà da solo e il problema non dovrebbe presentarsi, almeno per un po’.

Vedi articolo