Configurare XAMPP sul Mac e installarci sopra WordPress

Anzitutto procuriamoci XAMPP dal sito ufficiale. Cliccando sul precedente link ci si troverà di fronte ad una schermata simile:

Selezioniamo la versione più appropriata per il nostro sistema operativo e i nostri scopi; in questa guida io utilizzerò la version indicata con la freccia rossa nell’immagine (XAMPP con PHP 7.3.2, il gruppo a seguire è quello di XAMPP con macchina virtuale).

Una volta scaricato il file selezioniamolo dall’elenco e avviamo l’installazione.

A questo punto clicchiamo sull’installer e autorizziamo l’installazione del programma scaricato da internet.

Adesso si aprirà l’installazione vera e propria e scegliamo di proseguire avanti, come nell’immagine.

Ci verranno chieste una serie di impostazioni da scegliere procedendo avanti. Se non hai particolari esigenze o non sai cosa dovresti scegliere premi tranquillamente next finché non parte l’installazione finale e si giunga alla fine.

A questo punto premiamo su Finish lasciando attiva l’opzione Launch XAMPP. Questo aprirà XAMPP su una schermata simile alla seguente:

Spostiamoci su Manage Servers per avviare i server che ci interessano (ovvero Apache e MySQL).

Per farlo selezioniamo il server MySQL Database e premiamo il tasto Start. Poi selezioniamo il server Apache Web Server e premiamo di nuovo Start.

Una volta avviati correttamente dovremmo vedere al fianco di entrambi un pallino verde. Se così è vuol dire che sono attivi e possiamo procedere oltre.

Adesso torniamo alla schermata precedente e clicchiamo su Open application folder.

Si aprirà la cartella di installazione di XAMPP, qui ci spostiamo su htdocs che è la radice del nostro webserver.

Il contenuto di questa cartella corrisponde all’indirizzo http://localhost oppure http://127.0.0.1

Qui dentro vogliamo creare una cartella dove installeremo WordPress, in modo che sia accessibile all’indirizzo http://localhost/wordpress1

Per farlo clicchiamo col destro e selezioniamo dal menu contestuale Nuova cartella, nominiamo la cartella wordpress1

Adesso lo spazio web è pronto. Dobbiamo solo creare ancora il database. Per farlo andiamo su http://localhost/phpmyadmin. Nella schermata che si apre clicchiamo su Database. Sotto la voce Crea nuovo database inseriamo il nome del database che vogliamo creare, per esempio wordpress1. Il nome del database non deve essere necessariamente uguale al nome della cartella per lo spazio web, li ho messi uguali solo per coerenza logica.

Fatto tutto questo abbiamo preparato spazio web e database per installare il nostro nuovo sito.

Ora dobbiamo procurarci WordPress, quindi andiamo sul sito ufficiale e scarichiamolo dalla sezione download.

Per l’ultima versione in italiano è anche sufficiente cliccare qui.

Spostiamoci su Safari e andiamo all’indirizzo http://localhost/wordpress1. Se abbiamo fatto tutto correttamente dovremmo vedere qualcosa di simile a questo:

Nel mentre il download di WordPress dovrebbe essere terminato, per cui dovremmo vederlo nell’elenco dei download di Safari nel modo seguente:

Clicchiamo col destro sopra il download e selezioniamo Mostra nel finder.

Dovremmo visualizzare qualcosa di simile. Entriamo nella cartella chiamata wordpress.

Dovremmo trovare un elenco di file come quello mostrato di seguito. Selezioniamo tutti i file e spostiamoli nella cartella wordpress1, che abbiamo creato prima in htdocs. Per farlo è sufficiente affiancare le due finestre e con tutti i file selezionati trascinarli da una posizione all’altra.

Fatto questo, prima di ogni altra cosa, dobbiamo dare i permessi di lettura e scrittura per i file nella cartella di installazione. Perciò dal Finder spostiamoci su Vai > Utility e selezioniamo, dalla finestra che si aprirà, il terminale.

Nel terminale digitiamo: sudo chmod -R 0777 

Dopo il 0777 lasciamo uno spazio. Poi affianchiamo la cartella htdocs al terminale e trasciniamo verso il terminale la cartella wordpress1.

Per essere precisi i permessi 0777 su tutta la cartella consentiranno il massimo accesso a lettura e scrittura per tutti gli utenti e tutti file. Di per se non sarebbe l’ideale, ma siccome stiamo lavorando in locale può andar bene. Ovviamente la situazione andrebbe valutata in base all’uso che si fa del computer in questione.

In ogni caso se tutto è andato bene dovremmo vedere qualcosa come:

Premiamo Invio da tastiera e digitiamo la password. ATTENZIONE! La password non verrà mostrata e sembrerà di digitare a vuoto. Digitiamo la password del nostro utente e premiamo invio, anche se apparentemente non sta succedendo niente.

Aspettiamo un attimo perché la procedura finisca e ricompaia nuovamente il cursore sul terminale. Dopodiché torniamo su Safari e aggiorniamo la pagina http://locahost/wordpress1. Dovremmo trovarci di fronte alla seguente situazione:

A questo punto possiamo procedere all’installazione di WordPress. Premiamo sul tasto Iniziamo! che compare sotto il testo introduttivo.

Nella schermata che segue inseriamo i dati nella maniera seguente:

Premiamo su Invia. Se abbiamo messo tutti i campi corretti troveremo la seguente schermata.

Premiamo su Avvia l’installazione. Adesso completiamo la seguente schermata, scegliendo a piacere il nome del sito, il nome dell’utente principale (io ho messo il classico admin), una password (WordPress ce ne suggerirà una abbastanza complessa) e il nostro indirizzo email.

Infine premiamo su Installa WordPress. Se abbiamo eseguito tutto a dovere comparirà la schermata finale di login.

Se installando i plugin o i temi dovesse comparirci una schermata come la seguente:

Premiamo sul tasto annulla e dal terminale che abbiamo usato prima per cambiare i permessi digitiamo i seguenti comandi.

Spostiamoci nella cartella wordpress1 che abbiamo creato con cd wordpress1. Poi digitiamo sudo nano wp-config.php e premiamo il tasto Invio.

Si aprirà l’editor nano sul file wp-config.php.

Subito all’inizio, prima delle impostazioni MySQL, aggiungiamo la seguente riga di codice:

Premiamo i tasto CTRL+S per salvare. Premiamo Invio per confermare la modifica del file.

Fatto questo possiamo tornare ad installare tranquillamente temi e plugin.

Vedi articolo

[xamarin] Errore IDE0006 durante compilazione

Problema: quando si tenta di compilare una app per iOS compare l’avviso con codice IDE0006 e la compilazione non va a buon fine

Soluzione: chiudere Visual Studio, aprire, pulire il progetto e ricompilare di nuovo, assicurandosi che sia connesso il Mac sul quale avviene la compilazione

Cercando di compilare una app per iOS da Visual Studio si potrebbe incorrere nel seguente avviso:

IDE0006 Si è verificato un errore durante il caricamento del progetto. Alcune funzionalità del progetto, come l’analisi della soluzione completa per il progetto in errore e i progetti che dipendono da essa, sono state disabilitate.

Per risolvere il problema dovrebbe essere sufficiente (almeno per me ha sempre funzionato) chiudere Visual Studio e riaprirlo, assicurandosi che prima di avviare il progetto sia connesso al Mac che si usa per compilare. 

Una volta riaperto spostarsi su Compilazione > Pulisci …

Una volta eseguita la pulizia ricompilare l’intero progetto da Compilazione > Ricompila… 

Vedi articolo

[xamarin] Pubblicare app iOS in beta su TestFlight da Visual Studio 2017 su Windows

Obiettivo: Pubblicare la beta di una app per iOS, sviluppata con C# e Xamarin su Visual Studio 2017 per Windows

Per molti sarà una banalità, ma ho trovato che la pubblicazione di app iOS da Windows (ok, capisco che me la sto proprio cercando) è una piccola avventura, a differenza di quando si lavora su Android. Anzitutto dobbiamo assicurarci di avere tutti gli ingredienti necessari per poter procedere. Questi comprendono:

Xamarin e Visual Studio 2017 su Windows (nel mio caso specifico Windows 10)

Un Mac con installati Visual Studio 2017 ed Xcode per poter compilare al app.

Application Loader 3.0 (scaricabile da qui) per poter caricare la app online sull’Apple Store.

Un account Apple Developer e uno su iTunes Connect.

Una volta preparata la nostra app e testata sulla macchina virtuale di Xcode, possiamo cominciare a pensare alla sua pubblicazione. Come ho accennato prima tutte le guide online in merito si riferiscono principalmente a Visual Studio 2017 con Xamarin già installati sul Mac, mentre io mi ostino per volerci lavorare da Windows.

Quello che voglio fare è distribuire la app in beta verso alcuni utenti registrati per TestFLight, in modo da poter effettuare un debugging realistico rispetto all’utilizzo degli utenti.

Per poterlo fare anzitutto devo aggiungere degli utenti su iTunes Connect.

Indirizzo: https://itunesconnect.apple.com/

Per farlo mi sposto nell’apposita sezione.

Una volta dentro, da Utenti di iTunes Connect premo sul tasto più e aggiungo un nuovo utente.

A questo punto posso inserire l’indirizzo email col quale ho registrato il mio iPhone sul quale voglio fare le prove, mettendo un nome e cognome come riferimento.

Adesso mi verrà chiesto di selezionare un ruolo per il mio utente.

Scegliendo il ruolo mi verrà detto quali saranno le sue possibilità di accesso, quello che mi interessa è che sia disponibile per TestFlight.

Fatto questo possiamo salvare e spostarci a configurare la parte di Apple Developer.

Indirizzo: https://developer.apple.com/

Anzitutto aggiungiamo il dispositivo sul quale vogliamo far agire l’utente. Spostiamoci su Devices > All (indirizzo: https://developer.apple.com/account/ios/device/) e clicchiamo sul tasto più per aggiungere un dispositivo. Ci verranno chiesti un nome descrittivo e un UDID. Per trovare l’UDID suggerisco la seguente guida.

A questo punto registriamo un identificatore per la nostra app, andando su Identifiers > App IDs (indirizzo: https://developer.apple.com/account/ios/identifier/bundle/create).

Il Bundle ID è quello che abbiamo stabilito nel file Info.plist alla seguente chiave:

Dove com.miodominio.NomeApp è il formato di dominio inverso, un po’ come succede anche su Android.

Una volta aggiunta la app, con le opportune configurazioni, aggiungiamo i certificati per la distribuzione.

Andiamo su Certificates > All e premiamo sul tasto più per aggiungerne uno.

Selezioniamo App Store and Ad Hoc e seguiamo la procedura guidata. Alla fine della procedura ci sarà dato un file di certificato da installare sul Mac dove abbiamo Xcode ed il resto.

NOTA: La medesima cosa si può fare anche da Xcode, andando su Preferenze > Account > Gestisci certificati e cliccando sul tasto aggiungi.

Ora spostiamoci a creare un Provisioning Profiles di distribuzione.

Per farlo andiamo su Provisioning Profiles > Distribution (indirizzo: https://developer.apple.com/account/ios/profile/production)

Clicchiamo sul tasto più per aggiungere un profilo e selezioniamo un profilo di distribuzione Ad Hoc.

Seguiamo le istruzioni. Alla fine ci verrà dato un file con estensione *.mobileprovision che dobbiamo mettere sul nostro Mac e cliccarci due volta sopra per installarlo. Apparentemente non succederà nulla, ma il profilo sarà stato installato.

Fatte tutte queste belle cose arriva l’avventura finale. Compilare la app da Visual Studio 2017 che gira su Windows.

Per poterlo fare correttamente è necessario apportare alcune modifiche.

Anzitutto apriamo Info.plist e assicuriamoci di aver impostato correttamente i parametri di compatibilità.

Assicuriamoci di aver impostato correttamente la lingua:

Ma soprattutto di aver inserito il parametro per il beta testing:

Adesso apriamo Entitlements.plist e assicuriamoci di inserire anche qui il medesimo parametro:

Spostiamoci sulle proprietà della nostra app e configuriamola nel modo seguente:

In questo modo l’esportazione avverrà nella cartella bin\iPhone\Ad-Hoc dentro la radice del progetto, dove verrà creato un file con estensione *.ipa.

Assicuriamoci anche che sia visibile l’identità giusta della firma ed il corretto profilo di provisioning. A tale proposito, qualora non fosse possibile vederli, consiglio di aprire e chiudere Visual Studio o lanciare una compilazione sul Mac collegato in rete.

Assicuriamoci anche di aver configurato la giusta impostazione di compilazione, che nel mio caso risulta così:

Se abbiamo fatto tutto come si deve troveremo nella suddetta cartella, bin\iPhone\Ad-Hoc, il nostro file *.ipa.

Spostiamolo sul nostro Mac e apriamo Application Loader.

Clicchiamo su Delivery Your App e poi su Choose. Scegliamo il file *.ipa da caricare e attendiamo la fine del caricamento.

Se tutto è andato bene la nostra app diventerà disponibile per il test agli utenti che abbiamo selezionato precedentemente.

Errori comuni

Di seguito riporto alcuni errori comuni che sono stati generati da Application Loader o inviati via email al momento dell’invio della app in testing:

  1. Missing beta entitlement – Your app does not include the beta-reports-active entitlement. If you intend to distribute this build via TestFlight for beta testing, please re-build this app with an App Store Distribution provisioning profile. Do not use ad-hoc profiles.
    SOLUZIONE: inserire <key>beta-reports-active</key> nei file Info.plist e Entitlement.plist come descritto precedentemente
  2. the bundle contains a key that is not included in the provisioning profile beta-reports-active
    SOLUZIONE: c’è un errore nel profilo di compilazione, assicurarsi che sia di Distribuzione, come detto prima; maggiori informazioni si trovano qui
  3. Your app does not include the beta-reports-active entitlement
    SOLUZIONE: vedere punto 1, stesso problema
  4. Errore Invalid architecture: ARMv7. 32-bit architectures are not supported when deployment target is 11 or later
    SOLUZIONE: questo è un errore di Visual Studio, per risolverlo è necessario configurare correttamente la Compilazione iOS nelle impostazioni del Progetto, come illustrato in precedenza, inoltre bisogna inserire UIRequiredDeviceCapabilities in Info.plist
  5. ipa file too large
    SOLUZIONE: in questo caso non dipende assolutamente dal file, ma può dipendere dai certificati (vedi all’inizio) oppure dalla velocità della connessione da cui facciamo l’upload; assicuriamoci che il profilo di Provisioning e i certificati siano installati sulla macchina con Xcode.
Vedi articolo

Leggere il filesystem OS Journaled (HFS) del Mac su un computer Windows

Soluzione: usare il programma HFSExplorer scaricabile da qui

Per leggere il contenuto di un disco o una chiavetta formattati con il filesystem proprietario del Mac, è sufficiente utilizzare un qualche programma come HFSExplorer, che permette di leggere HFS (Mac OS Standard), HFS+ (Mac OS Extended) e HFSX (Mac OS Extended con case sensitive).

Il programmino gira su Java, che quindi è eventualmente necessario installare sul proprio computer.

Vedi articolo