[owncloud] Installare ownCloud su Ubuntu Server 20.04.1, configurazione VirtualHost, certificato HTTPS e disco dati con LVM

Vediamo come installare ownCloud su un Ubuntu Server 20.04.1. In aggiunta configureremo anche un VirtualHost con un certificato autofirmato, aggiungendo infine un disco in LVM che ospiti i dati di ownCloud.

1. Configurazione server LAMP

Anzitutto configuriamo il server LAMP installando Apache, MariaDB e il PHP 7.4.

Eseguiamo il seguente comando:

A questo punto configuriamo il database eseguendo:

ATTENZIONE! Se si esegue il commando senza sudo verrà chiesta la password dell’utente root e non ci sarà modo di cambiarla, generando l’errore: ERROR 1698 (28000): Access denied for user 'root'@'localhost'

Digitare in sequenza, per le singole domande:

Change the root password? [Y/n] Y

Remove anonymous users? [Y/n] Y

Disallow root login remotely? [Y/n] Y

Remove test database and access to it? [Y/n] Y

Reload privilege tables now? [Y/n] Y

Una volta completata la configurazione di MariaDB il server LAMP e pronto è possiamo procedere con le specifiche configurazioni.

2. Creiamo il certificato di crittografia

Se non lo abbiamo già fatto installiamo openssl. Questo ci servirà per creare un certificato autofirmato, nel caso in cui si disponga già del certificato si può passare al punto successivo.

Creiamo la chiave privata e il certificato:

Nel caso specifico stiamo dicendo ad openssl:

  • req sottocomando col quale specifichiamo che vogliamo usare l’X.509 CSR (certificate signing request), un’infrastruttura standard per le chiavi pubbliche utilizzata tipicamente con SSL e TSL
  • nodes indica ad OpenSSL di non cifrare il certificato con una password, dal momento che verrà utilizzato su Apache che deve potervi accedere liberamente
  • days specifica la durata di validità del certificato, nel nostro caso 365 giorni
  • newkey specifica il tipo di chiave privata (RSA 2048) che si vuole generare e il fatto che la si voglia generare assieme al certificato
  • keyout indica la posizione dove creare la chiave
  • out indica la posizione dove creare il certificato

Rispondiamo ai quesiti posti da OpenSSL per la configurazione del certificato. Nel mio caso procederò così:

Country Name (2 letter code) [AU]:IT
State or Province Name (full name) [Some-State]:Firenze
Locality Name (eg, city) []:Firenze
Organization Name (eg, company) [Internet Widgits Pty Ltd]:Torregatti Spa
Organizational Unit Name (eg, section) []:Servizi Cloud
Common Name (e.g. server FQDN or YOUR name) []:cloud.local
Email Address []:scrivi@petarkaran.it

I valori sono per lo più arbitrari, l’unica cosa importante è il Common Name, che può essere l’indirizzo IP del server, oppure il dominio a cui sarà associato il certificato.

Configuriamo Apache affinché utilizzi correttamente i certificati SSL:

Nel file digitiamo:

Affinché la configurazione funzioni dobbiamo attivare il modulo SSL e il modulo Headers in Apache.

A questo punto attiviamo la configurazione digitando:

Affinché la configurazione sia corretta bisogna riavviare Apache, anche se non è necessario farlo adesso, lo possiamo fare anche dopo.

3. Configuriamo il VirtualHost

A questo punto configuriamo il nostro VirtualHost, immaginiamo che il nostro ownCloud debba trovarsi all’indirizzo cloud.local. (nel caso specifico da http://cloud.local e https://cloud.local)

Creiamo anzitutto due cartelle in /var/www, una per i file, una per i dati ed una per i log, entrambe sottocartelle di cloud.local, nella maniera seguente.

Grazie all’argomento -p creiamo l’intero percorso anche se non esiste.

A questo punto procediamo con la creazione del file del VirtualHost vero e proprio.

Nel file inseriamo le seguenti istruzioni.

In questo modo forziamo il redirect sul HTTPS e abilitiamo il certificato creato in precedenza.

A questo punto riavviamo apache:

4. Creazione partizione per i dati con LVM

Aggiungiamo al nostro server un disco aggiuntivo a creiamo un nuovo disco logico con LVM. Per ulteriori approfondimenti sulla procedura rimando all’articolo LVM, gestore logico dei volumi su Ubuntu [per pinguini alle prime armi]

Anzitutto vediamo i dischi dei quali disponiamo con:

Nel mio caso (sto utilizzando VirtualBox per l’esempio con 2 dischi da 10GB ciascuno):

Il disco che utilizzerò è /dev/sdb. Procediamo quindi a preparare il disco:

Su fdisk digitiamo in ordine:

  1. n per creare una nuova partizione
  2. p per una partizione primaria
  3. 1 numero di partizione
  4. INVIO per confermare il primo settore di default 2048
  5. INVIO per confermare l’ultimo settore
  6. t per modificare la partizione
  7. 8e per impostare Linux LVM
  8. w per scrivere e salvare il tutto

Utilizzando sudo fdisk -l dovremmo vedere qualcosa di simile:

Creiamo un volume fisico digitando:

Creiamo un gruppo di volumi chiamato dati-cloud digitando:

Creiamo sopra il volume logico dati:

Formattiamo il volume in ext4.

A questo punto montiamo il nuovo volume logico sulla cartella /var/www/cloud.local/dati

Siccome vogliamo che il disco sia montato in modo permanente, modifichiamo /etc/fstab.

In fondo al file aggiungiamo la seguente riga:

In questo modo al riavvio del server il volume logico verrà caricato automaticamente.

5. Creiamo un database per ownCloud

ownCloud necessita di un database per funzionare, pertanto creiamone uno nuovo all’interno di MariaDB.

Entriamo in MariaDB/MySQL:

Una volta dentro creiamo un nuovo database chiamato cloud_db:

Creiamo anche un utente per il database appena creato, che potrà accedere esclusivamente da locale (agli scopi dell’esercizio metterò una password banale):

6. Installazione ownCloud

Scarichiamo ownCloud nella cartella httpdocs. Da qui possiamo scegliere da dove scaricarlo.

Se non abbiamo installato unzip facciamolo:

A questo punto estraiamo il file zip.

Spostiamo i file dalla cartella owncloud creata dall’unzip, nella radice del virtualhost.

In questo modo rimuoviamo anche la cartella aggiuntiva ed il file zip.

Assegniamo adesso l’utente apache a tutta la cartella ed i file creati.

Infine abilitiamo la configurazione e riavviamo apache:

Se tutto è andato bene potremo aprire ownCloud all’indirizzo https://cloud.local/

Inseriamo i parametri nella maniera seguente (utilizzando quelli creati):

  1. Scegliamo un utente ed una password
  2. Per la cartella dati impostiamo la cartella creata all’inizio
  3. Inseriamo i dati del database configurati in precedenza:

Una volta fatto tutto possiamo premere su TERMINA CONFIGURAZIONE.

Se tutto è andato bene vedremo una schermata come la seguente:

Fatto tutto questo possiamo accedere al sistema. Spostandoci su Impostazioni > Generali, potremmo notare delle notifiche come le seguenti:

Apportiamo quindi ancora un paio di modifiche per aggiustare il tutto correttamente.

Anzitutto configuriamo correttamente il crontab affinché esegua gli script di ownCloud.

Digitiamo:

Se è la prima volta che lo apriamo ci chiederà quale editor preferiamo utilizzare, io scelgo 1 per nano.

Aggiungiamo la seguente riga:

Salviamo con CTRL+O e usciamo.

Nelle suddette impostazioni di ownCloud selezioniamo come meccanismo di aggiornamento Cron.

Spostiamoci nella nostra cartella di installazione con:

Eseguiamo i seguenti comandi:

L’utilizzo di sudo -u www-data è necessario perché l’esecuzione deve essere effettuata da Apache. Eseguendolo senza sudo lo faremmo usando il nostro utente, con sudo come root. In entrambi i casi non andrebbe bene.

Per risolvere l’avviso di HTTP "Strict-Transport-Security" dobbiamo aggiungere a <VirtualHost *:443> le seguenti tre righe:

Il file definitivo del virtualhost sarà come il seguente:

Riavviamo ancora una volta apache.

A questo punto è tutto pronto e possiamo cominciare ad usare ownCloud.

Vedi articolo

[linux] Aggiungere file manualmente ad una condivisione su ownCloud (sotto Plesk)

Obiettivo: aggiungere un file manualmente nella partizione utente su ownCloud, senza utilizzare l’interfaccia di gestione

Questa è una soluzione molto interessante qualora si preferisca caricare il file, per svariati motivi, con altri meccanismi, diversi dall’interfaccia utente offerta dalla piattaforma ownCloud. Per esempio avevo bisogno di condividere un file zip di 600MB che però prima andava modificato. In tal caso, scaricarlo sul mio computer e caricarlo di nuovo online, con la connessione a 20 Mega, rischiava di risultare eccessivamente lento e macchinoso, quando potevo invece scaricarlo direttamente sul server e modificarlo da terminale.

Come fare allora per metterlo in condivisione?

L’operazione è semplice: anzitutto dobbiamo collocarci nella partizione dati di ownCloud e trovare la cartella, sotto files, dell’utente al quale vogliamo mettere a disposizione il file.

Una volta nella cartella digitiamo:

In questo modo visualizzeremo il dettaglio dei permessi sui file. Annotiamo utente e gruppo che accedono alla partizione.

Spostiamoci nella cartella di installazione di ownCloud, per esempio con:

Quello che ci interessa è la cartella, di ownCloud, contenente l’eseguibile occ.

A questo punto digitiamo il comando per ricostruire tutta la partizione dell’utente all’interno di ownCloud. Attenzione, questo comando reimposterà tutte le configurazioni delle cartelle su ownCloud gestite dall’utente.

Faccio notare che il nome_utente è l’utente proprietario dei file nella partizione linux, per esempio www-data se siamo sotto apache (lo vediamo con il comando precedente).

utente_owncloud è invece l’utente registrato in ownCloud, ovvero lo username dell’utente a cui appartiene la partizione.

In questo caso verrà utilizzato il PHP predefinito configurato all’interno di Linux, qualora voleste (o doveste) utilizzare un’altra versione, sarà sufficiente digitare il percorso per intero; ad esempio sotto Plesk i file binari del PHP7.0 si possono recuperare in questo modo:

Per maggiori informazioni e dettagli consiglio la pagina della documentazione ufficiale di ownCloud.

Vedi articolo