[risolto] Su Chrome appare una banda nera in alto che impedisce di cliccare sulle schede o sui pulsanti della finestra

Problema: Su Windows 10, utilizzando due monitor, su Chrome appare una banda nera in alto che impedisce di cliccare sulle schede, sul menu delle opzioni oppure sui pulsanti della finestra.

Soluzione: Aprire il task manager premendo ALT+CTRL+CANC e andando su Gestione Attività, andare in Dettagli e trovare il processo dwm.exe. Terminare il processo. Il processo dovrebbe riavviarsi da solo, risolvendo il problema.

Più nel dettaglio sembra che si tratti di un bug, già noto dalla seconda metà del 2018, di Windows 10. Nel caso specifico il problema si presenta nella maniera seguente:

Lì dove dovrebbero esserci le schede ed i pulsanti della finestra c’è solo una striscia nera. Il problema si presenta solamente a schermo intero e su un singolo monitor.

Riducendo la finestra, oppure aprendola a schermo intero su un altro monitor, il problema non sembra presentarsi. Dei due o più monitor non c’è uno “preferito” dal problema, avviene in modo casuale su qualunque. L’unica soluzione possibile sembra il riavvio del sistema.

Un’altra soluzione suggerita da Microsoft è quella di disabilitare l’accelerazione hardware in Chrome, ma questo non sembra incidere in alcun modo sulla questione, tanto più che io l’avevo disattivata da principio e la cosa è iniziata a succedere diverso tempo dopo.

In sostanza sembra che al momento, a meno che non correggano questo errore con qualche nuovo aggiornamento, l’unica soluzione concreta, a parte il riavvio, sia quella di terminare il processo dwm.exe (Desktop Windows Manager). Una volta terminato, il processo si riavvierà da solo e il problema non dovrebbe presentarsi, almeno per un po’.

Vedi articolo

Installare macOS 10.13 High con VirtualBox su Windows

Cercando un modo di installare il Mac su una macchina virtuale su Windows ho trovato questa fantastica guida online:

Steps to Install macOS 10.13 High Sierra on VirtualBox on Windows

Gli unici unici problemi che mi si sono presentati riguardavano la fase di avvio, quando la macchina virtuale partiva con schermo nero senza fare altro apparentemente.

Nel mio caso il problema è stato risolto modificando nella maniera seguente le impostazioni suggerite:

Versione: Mac OS X (64–bit) e non quelle suggerite in automatico

Chipset: PIIX3 (la dimensione della RAM invece è a piacere e non inficia il funzionamento della macchina, a parte la velocità ovviamente)

Cambiando questi due parametri la macchina virtuale si è avviata senza problemi.

Piccola curiosità:

Le istruzioni al passaggio 5 possono essere seguite da CMD oppure da PowerShell. Nel caso della PowerShell basta anteporre il i caratteri ./ all’eseguibile, ottenendo la seguente serie di comandi:

./VBoxManage.exe modifyvm “macOS 10.13 High Sierra” –cpuidset 00000001 000106e5 00100800 0098e3fd bfebfbff
./VBoxManage setextradata “macOS 10.13 High Sierra” “VBoxInternal/Devices/efi/0/Config/DmiSystemProduct” “iMac11,3”
./VBoxManage setextradata “macOS 10.13 High Sierra” “VBoxInternal/Devices/efi/0/Config/DmiSystemVersion” “1.0”
./VBoxManage setextradata “macOS 10.13 High Sierra” “VBoxInternal/Devices/efi/0/Config/DmiBoardProduct” “Iloveapple”
./VBoxManage setextradata “macOS 10.13 High Sierra” “VBoxInternal/Devices/smc/0/Config/DeviceKey” “ourhardworkbythesewordsguardedpleasedontsteal(c)AppleComputerInc”
./VBoxManage setextradata “macOS 10.13 High Sierra” “VBoxInternal/Devices/smc/0/Config/GetKeyFromRealSMC” 1

Queste istruzioni vanno a modificare un file macOS 10.13 High Sierra.vbox (dipende come avete chiamato la macchina) che si trova nella sua cartella in VirtualBox VMs.

Si tratta di un file XML dove appariranno istruzioni del tipo:

 

 

Vedi articolo